Cominciare la domenica con il dolce suono dell’arpa…

23 Febbraio 2018

PORDENONE. Le suggestioni dell’arpa recital e un programma di grande piacevolezza d’ascolto per il terzo appuntamento di Musicainsieme, la vetrina cameristica promossa dal CICP, Centro Iniziative di di Pordenone, per la direzione artistica di Franco Calabretto ed Eddi De Nadai. Domenica 25 febbraio, alle 11 nell’Auditorium del Centro Culturale Casa Zanussi l’appuntamento è con la performance solistica di Stefania Scapin, la talentuosa musicista padovana, a lungo Prima Arpa dell’orchestra dei Conservatori italiani.

Stefania Scapin

Nel matinée di Pordenone sono in programma musiche di Benjamin Britten (Suite for Harp op. 83), Nino Rota (Sarabanda e Toccata), Jaques de la Presle (Le Jardin Mouillè), Henriette Renié (Contemplation), Gabriel Fauré (Une Chatelaine en sa tour op. 110), Domenico Scarlatti (Sonata K 19 in fa maggiore), Johann Sebastian Bach (Preludio N. 8 in mi bemolle minore, dal Das wohltemperierte Klavier I. vol.). Il concerto è proposto con ingresso libero, info www.centroculturapordenone.it

Classe 1992, Stefania Scapin ha iniziato lo studio dell’arpa all’età di otto anni, entrando al Conservatorio di Castelfranco Veneto all’età di undici. Nel 2015 si diploma con il massimo dei voti al Conservatorio di Adria con Cristiana Passerini, dopo aver vinto una borsa di studio per frequentare un anno all’estero nella Royal Academy of Music di Londra, dove nello stesso anno ha conseguito un Year-In Diploma sotto la guida di Karen Vaughan, arpista della London Symphony Orchestra.

Ha vinto diversi premi in concorsi per arpa solista tra cui il 2° premio al Concorso Internazionale “Città di Treviso” nell’aprile 2016, il 3° premio al Concorso “Premio Abbado” (Premio delle Arti Italiane nel Maggio 2015 e il 2. premio (primo non assegnato) al concorso “Riviera della Versilia” nel giugno 2013. Ha partecipato a varie masterclass in Italia e in Europa con arpisti di fama internazionale tra cui Margherita Bassani, Skaila Kanga, Isabelle Perrin, Milda Agazarian, Emmanuel Ceysson, Marisa Robles e Park Stickney. Dal 2016, inoltre, si sta perfezionando col M° Fabrice Pierre, concertista solista e insegnante al Conservatoire National Supérieur di Lione, presso la Talent Music Master School di Brescia. Dal 2012 ad oggi ha suonato in formazioni cameristiche di diverso genere, tra cui l’Adria Harp Ensemble, attivo in Veneto ed Emilia Romagna, il Royal Academy Harp Ensemble del Dipartimento di Arpa della Royal Academy of Music di Londra, l’Ensemble de Angelis di Firenze e in duo col vibrafonista Nazareno Caputo.

Ha ricoperto il ruolo di prima arpa dell’Orchestra Sinfonica Nazionale dei Conservatori Italiani con la quale, tra il 2015 e il 2016, ha tenuto concerti a Udine, Trieste, Belgrado e Novi Sad sotto la direzione del M° Giuseppe Grazioli e al Teatro Argentina di Roma sotto la direzione del M° Bruno Aprea. Iscritta al Biennio di secondo livello di Arpa al Conservatorio di Musica J. Tomadini di Udine, sotto la guida della docente Patrizia Tassini, sta inoltre svolgendo l’ultimo anno di studio all’ Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna con Mirjam Schröder come insegnante. Attualmente svolge attività concertistica come solista, in formazioni cameristiche e in orchestra. È laureata in Scienze Psicologiche Cognitive e Psicobiologiche all’Università di Padova.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!