Cinemadivino a San Quirino con un film di Ermanno Olmi

28 Giugno 2016
Piera Martellozzo

Piera Martellozzo

SAN QUIRINO. Cinemadivino – anche quest’anno promosso in regione da Cinemazero in collaborazione con Donne del vino FVG e col sostegno di Donne del Vino – continua il suo tour nelle cantine più apprezzate in regione e giovedì 30 giugno dalle 19.30 porta all’Azienda Piera Martellozzo (via Pordenone, 33 a San Quirino) “Rupi del vino”, di Ermanno Olmi (info e prenotazioni 345 5912233, cinemadivinofvg@gmail.com), accanto alla consueta degustazione. La cantina “Piera Martellozzo” è stata fondata nel 1899, nel 2001 si trasferisce in Friuli-Venezia Giulia, con la visione di creare vini che possano confrontarsi con i migliori del mondo, e sceglie l’area del Friuli Grave, per il suo terroir unico, caratterizzato da un’ampia superficie sassosa che favorisce la coltivazione di uve particolarmente aromatiche e di vini profumati ed eleganti, ormai riconosciuti e apprezzati in tutto il mondo.

Ermanno Olmi

Ermanno Olmi

Il maestro del cinema italiano Olmi in “Rupi del vino” (2010) invece torna a confrontarsi con un paesaggio, un territorio, la pratica e la poesia intrinsecamente legate a questo antico lavoro dell’uomo. È il più recente film di Ermanno Olmi e racconta, in un’ora di immagini fluide, testimoniali e narrativamente dense, le vigne della Valtellina: dalla costruzione dei muri a secco dei loro terrazzamenti, esempi di architettura primitiva e sapiente che asseconda il paesaggio senza violarlo, ai tempi lunghi della preparazione delle viti, della maturazione dei grappoli, del raccolto che porterà alla produzione di vini pregiati. Il percorso delle immagini è contrappuntato da due ‘voci’ singolari: il Mario Soldati autore dello splendido memoir di viaggio L’avventura in Valtellina, e Pietro Ligari, settecentesco pittore e architetto, che considerava tuttavia l’agricoltura come “superiore ad ogni altr’arte, niuna riservata”… Un documentario di limpido umanismo, un racconto e un atto d’amore: con “Rupi del vino” Olmi rende omaggio a una ‘viticoltura eroica’, esempio vivo di raporto positivo con l’ambiente, di sapienza agricola, di capacità produttiva, di una vera cultura del vino e di valorizzazione di un patrimonio naturale, in perfetta sintonia con lo spirito e gli intenti della manifestazione.

rupi vino_01Cinemadivino continuerà poi il 7 luglio a Pasiano di Pordenone all’Azienda Vigna Belvedere di Elisabetta Cichellero Fracca e il film del premio Oscar Alexander Payne “Sideways – In viaggio con Jack”, il 14 luglio a Sequals al Hotel Belvedere dove Azienda Agricola Borgo delle Oche e Quanta della Luna faranno degustare i loro vini sulle immagini di “Soul Kitchen”, firmato da un altro maestro: Fatih Akin; e si chiude il 21 luglio a Mansuè alle Tenute Tomasella con “Barolo Boys” di Paolo Casalis e Tiziano Gaia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!