Carlo Di Palma, un maestro della fotografia nel cinema

12 Giugno 2017

GEMONA. Le Giornate della Luce, in corso fino al 18 giugno a Spilimbergo, illuminano per una sera anche Gemona e il Cinema Teatro Sociale, dove mercoledì 14 giugno alle 21, in collaborazione con la Cineteca del Friuli, viene proiettato Acqua e zucchero: Carlo Di Palma, i colori della vita (2016) di Fariborz Kamkari. Lo splendido documentario su uno dei più celebri e apprezzati direttori della fotografia italiani arriva in sala dopo le anteprime mondiali di Venezia e Toronto, le presentazioni a Berlino, Tel Aviv, Madrid e Sofia e il Nastro d’Argento per il miglior documentario su cinema e spettacolo.

Allen e Di Palma

La proiezione gemonese sarà introdotta dal vicedirettore della Cineteca Lorenzo Codelli, che dialogherà con Daniele Nannuzzi, presidente A.I.C. (Associazione Italiana Autori della Fotografia Cinematografica), ospite delle Giornate della Luce nella doppia veste di direttore della fotografia (fra i tanti titoli della sua filmografia, Il giovane Toscanini di Franco Zeffirelli e El Alamein – La linea del fuoco di Enzo Monteleone per il quale ha vinto nel 2002 il David di Donatello e il Globo d’oro) e figlio del maestro Armando Nannuzzi, autore della fotografia del film Gli ultimi di Vito Pandolfi e David Maria Turoldo.

Acqua e zucchero ripercorre la straordinaria carriera di Carlo Di Palma, scomparso nel 2004 dopo aver collaborato a oltre cento film, attraverso i quali si compie un vero e proprio viaggio nel cinema italiano a partire dal neorealismo di Visconti (la prima esperienza sul set del giovanissimo Di Palma fu con Ossessione), De Sica, Germi. A rendere testimonianza e omaggio al contributo di Di Palma, tanti maestri del cinema, da Bertolucci a Wenders, Loach, Rosi, Maselli, Scola, Taviani, Mikhalkov, Allen e altri, mentre dalle sue stesse parole traspare la visione di un artista innamorato della bellezza, che vedeva nel buon cinema un modo per rendere la vita migliore. Tiene insieme il filo della narrazione Adriana Chiesa, compagna di una vita di Di Palma e produttrice del film.

Fra i titoli fotografati da Carlo Di Palma ricordiamo La lunga notte del ’43 di Florestano Vancini, Deserto rosso, Blow up, Identificazione di una donna di Michelangelo Antonioni, Divorzio all’italiana di Pietro Germi, L’armata Brancaleone, La ragazza con la pistola di Mario Monicelli, L’assassino di Elio Petri, La tragedia di un uomo ridicolo di Bernardo Bertolucci. Il lungo sodalizio con Woody Allen a partire dagli anni ’80 ci ha regalato dodici film tra cui Hannah e le sue sorelle, Radio Days, Settembre, Alice, Ombre e nebbia, Mariti e mogli, Misterioso omicidio a Manhattan, Harry a pezzi.

Condividi questo articolo!