Budapest Festival Orchestra domani al Giovanni da Udine

9 Dicembre 2017

UDINE. Nuovo importante appuntamento con la grande musica sinfonica al Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Domenica 10 dicembre, con inizio alle 20.45, è infatti attesa la Budapest Festival Orchestra diretta da Iván Fischer per l’unica data italiana di una tournée che sta portando la compagine magiara anche in Polonia, Francia e Croazia. Per la Budapest Festival Orchestra si tratta della seconda esibizione al Giovanni da Udine dopo quella memorabile dello scorso aprile, sold out in poche ore.

Nel concerto di domenica, realizzato grazie al sostegno della Fondazione Friuli, spazio alla straordinaria versatilità della celebrata orchestra che interpreterà alcune autentiche perle del suo repertorio d’elezione: Il Concerto brandeburghese n. 3 di Johann Sebastian Bach, eseguito con strumenti originali, e a seguire Musica per archi, percussione e celesta di Béla Bartók celebre per i suoi trascinanti ritmi magiari, in prima esecuzione al Giovanni da Udine. Chiusura maestosa, infine, con la monumentale Sinfonia n. 3 in fa maggiore op. 90 di Johannes Brahms: un grande classico sempre sorprendente a ogni ascolto.

Eletta fra le dieci migliori orchestre del mondo, la Budapest Festival Orchestra è stata fondata nel 1983 dal grande maestro ungherese Iván Fischer che ha saputo innalzarla in breve tempo ai vertici del successo mondiale. Regolarmente invitata ai più importanti festival internazionali – Salisburgo, Edimburgo, Berlino, Lucerna – al pari dei Berliner e dei Wiener Philharmoniker, ha vinto una serie impressionante di riconoscimenti fra i quali due Gramophone Awards, gli Oscar della musica classica. Tra le numerose figure di rilievo internazionale con cui ha collaborato si ricordano Sir Georg Solti che ne è stato direttore onorario fino alla morte, Yehudi Menuhin, Pinchas Zukerman, Gidon Kremer, Radu Lupu, Sándor Végh, András Schiff e Richard Goode.

Direttore musicale della Budapest Festival Orchestra, del Konzerthaus e della Konzerthausorchester di Berlino nonché direttore ospite delle migliori orchestre del mondo come i Berliner Philharmoniker, Iván Fischer si è distinto anche nel ruolo di compositore: i suoi lavori sono stati eseguiti negli Stati Uniti, in Olanda, Belgio, Ungheria, Germania ed Austria. Intensi tour internazionali e una serie di acclamate registrazioni discografiche per Philips Classics e Channel Classics hanno contribuito alla sua reputazione come uno dei massimi direttori d’orchestra del mondo.

Per l’occasione, ritorna domani anche “Prima del Concerto”, il ciclo di conferenze a cura di esperti musicologi per comprendere la storia, le tecniche, le emozioni e il linguaggio dei programmi musicali al centro di alcuni appuntamenti della stagione di musica del Teatro Nuovo. Alle 17.30, il pubblico potrà assistere nel foyer del Teatro a un nuovo intervento del musicologo, pianista e compositore Maurizio Biondi dedicato a una delle opere più celebri di Béla Bartók: la Musica per archi, celesta e percussioni che sarà eseguita più tardi.

Condividi questo articolo!