Biblioteca d’autore, rassegna per incoraggiare la lettura

18 Novembre 2016

SPILIMBERGO. Finestre aperte sul mondo della produzione letteraria del nostro tempo, con proposte diverse per incontrare gli orientamenti dei lettori più diversi: sono gli appuntamenti della Rassegna “Biblioteca d’Autore”, promossi dalla Biblioteca Civica e dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Spilimbergo nei mesi di novembre e dicembre. All’interno del ciclo trovano spazio un saggio storico, un toccante racconto autobiografico di un giovanissimo autore esordiente, l’ultimo romanzo di uno scrittore del calibro di Tullio Avoledo e una storia di Spilimbergo medievale pensata – e magistralmente illustrata – per i ragazzi.

Sabato 19 novembre alle 11, in Biblioteca, il primo autore a incontrare il pubblico dei lettori, dialogando con il Sindaco di Spilimbergo Renzo Francesconi, sarà Dino Barattin, autore de “Il segreto di don Pancino. Mussolini, Edda e i diari di Ciano”, recentemente pubblicato per i tipi di Libraria Editrice di San Daniele nella collana La storia raccontata. Don Giusto Pancino (1907-1981), parroco a Erto e Vivaro, è ricordato a Erto per aver salvato il paese da una sicura rappresaglia tedesca e a Vivaro, negli anni del dopoguerra, come il promotore di importanti iniziative nel campo della formazione professionale. Ma prima fu tra i protagonisti di una vicenda che assume i tratti della spy-story: Benito Mussolini, capo della Repubblica Sociale Italiana, nel gennaio del 1944 si rivolse a lui per recuperare l’affetto della figlia Edda fuggita in Svizzera con i diari del marito, il conte Galeazzo Ciano, condannato a morte per aver aderito all’ordine del giorno Grandi nella storica seduta del Gran Consiglio del Fascismo del 25 luglio 1943. Così don Pancino intraprese numerosi viaggi nel paese elvetico per tentare di placare la rabbia di Edda e, soprattutto, per fare in modo che i diari non cadessero nelle mani dei servizi segreti tedeschi o americani. Con Mussolini si intrattenne in lunghe conversazioni, registrando i suoi altalenanti umori, le speranze e i momenti di sconforto. Lo assecondò nella sua volontà di avvicinarsi alla religione cattolica. Da qui la fama di “confessore di Mussolini”. Il volume di Barattin offre una puntuale ricostruzione di queste vicende, che hanno portato un parroco di un paese friulano al centro di un intrigo internazionale.

Il secondo incontro, in programma venerdì 25 novembre alle ore 20.45 in biblioteca, vedrà protagonista Giacomo Mazzariol, classe 1997, di Castelfranco Veneto, e il suo acclamato esordio “Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più”, edito nel 2016 da Einaudi. E’ la storia del mutamento nel rapporto tra il giovane protagonista e suo fratello minore Giovanni, affetto da sindrome di Down: dopo l’iniziale entusiasmo per l’arrivo di una nuova creatura in famiglia, si apre la difficile fase del rifiuto e della vergogna verso chi appare “diverso” agli occhi degli altri, rifiuto che con il tempo e l’esperienza saprà tramutarsi in autentico amore incondizionato, senza pietismi né compassioni. La serata, presentata dalla giornalista Anna Vallerugo, vede la collaborazione di “Oratorio in Rete” di Spilimbergo, nell’ambito del Progetto “Libridime”.

Sabato 3 dicembre, alle ore 11, sempre in biblioteca, i lettori potranno incontrare l’autore pordenonese Tullio Avoledo, che dialogando con la giornalista Anna Vallerugo condurrà alla scoperta del suo ultimo romanzo “Chiedi alla luce”, edito da Marsilio. Un’opera in perenne bilico tra realtà e finzione che racchiude il viaggio nel tempo e nello spazio dell’angelo Gabriel, annunciatore urbi et orbi dell’imminente fine del mondo. L’umanità potrà essere salvata dall’apocalisse oramai prossima? Il viaggio di Gabriel è anche il viaggio di ogni lettore, alla ricerca di una risposta a questo cruciale quesito.

L’ultimo appuntamento si terrà sabato 17 dicembre, alle ore 11.00, al Teatro Cinema Castello: sarà presentato “Il Medioevo a Spilimbergo”, storia della città del mosaico nell’età di mezzo, pensata per coinvolgere e appassionare soprattutto i lettori più giovani. I testi sono stati curati da Claudio Romanzin e le tavole illustrate da Francesco Bisaro. L’opera, edita dal Comune di Spilimbergo, sarà presentata dall’Assessore alle Politiche Culturali Luchino Laurora, alla presenza delle classi prime della Scuola secondaria di primo grado di Spilimbergo. Fabio Scaramucci eseguirà le letture di alcuni brani dell’opera.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!