Befana speciale al Belforte

5 Gennaio 2018

MONFALCONE. Non poteva mancare l’arrivo della Befana anche al Belforte di Monfalcone. Sabato 6 gennaio sarà interamente dedicato ai bambini con un programma ricco di spettacoli, calze in omaggio e tanto divertimento, a partire dalle 16. A portare il teatro dei burattini, coinvolgendo i bambini in uno spettacolo interattivo sarà un ospite d’eccezione: Paolo Papparotto. Per i bambini e le bambine più creative ci sarà un laboratorio tematico durante il quale potranno creare la loro calza e riempirla con tante sorprese. In programma infine ci sono divertenti giochi e calza in regalo.

Foto D’Agostino

Paolo Papparotto inizia a lavorare con i burattini nel 1979. Dal 1982 si specializza sui burattini della tradizione veneta e sulla Commedia dell’Arte come burattinaio solista. Inizia così un lungo lavoro di recupero, in modo originale e moderno, del carattere autentico delle maschere veneziane, che si era ormai quasi perduto nelle baracche burattinesche, in special modo di Arlecchino, ma poi anche di Pantalone, Brighella, Colombina e di tutte le altre, affrontando anche autori come Ruzzante, Goldoni e Gozzi. Nel 1983 fonda il Centro di Ricerca sul Teatro di Figure che ha lo scopo tra l’altro di raccogliere materiale storico e documentativo sui burattinai nel territorio Trevigiano e Veneto. Nel 1989 vince il Concorso Nazionale “Città di Cervia” per burattinai solisti nell’ambito del Festival “Arrivano dal Mare”.

Nel 1992 fa parte del gruppo internazionale Euromarionettes, col personaggio di Arlecchino. Nel 1994 dà vita al personaggio di Arturo, pupazzo per una serie televisiva per una TV locale. Nel 1996 fonda sulle ceneri del CRTF “La casa di Arlecchino”, associazione di burattinai e appassionati del Teatro dei Burattini, e la scuola di Teatro dei Burattini di Ponzano. Nel 2002 gli viene assegnato a Gonzaga il Premio Nazionale “Campogalliani d’oro” come “Miglior burattinaio dell’anno”, nel 2005 vince la Marionetta d’oro nell’ambito del festival delle Valli di Natisone.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!