Ayanda, migranti e amore

30 Novembre 2016

PORDENONE. Appuntamento giovedì 1 dicembre alle 20.45 a Cinemazero, in sala Grande, con Gli Occhi dell’Africa, rassegna di cinema e cultura africana. La manifestazione, organizzata dalla Caritas della Diocesi di Concordia – Pordenone, Cinemazero e l’Altrametà, con il contributo dell’Amministrazione Provinciale e il sostegno del Comune di Pordenone, vede la partecipazione del Centro Culturale Casa A. Zanussi e l’associazione UNASp/ ACLI (Unione Nazionale Arte e Spettacolo) di Pordenone.

Ad aprire la serata il corto realizzato dai ragazzi e dalle ragazze dello Young Club di Cinemazero, che rientra nel progetto AFRICA/PORDENONE/ANDATA/RITORNO. A seguire proiezione del film Ayanda di Sara Blecher (Miglior film e miglior regia agli Africa Magic Viewers Choice Awards 2015. Menzione speciale al Festival di Los Angeles 2015).

ayanda01In una vivace comunità di migranti provenienti da tutta l’Africa, sullo sfondo di un amore inespresso, una giovane donna cerca di costruire un proprio percorso di vita. Ma questo è un mondo dove tutto cambia molto velocemente, tutto meno quell’unica cosa che dovrebbe cambiare. Ayanda e il meccanico – questo l’altro titolo con il quale il film è stato promosso – è la storia di una hipster africana di 21 anni che si imbarca in un viaggio alla scoperta di sé, cercando di mantenere viva la memoria del padre, pur costretta a lavorare in un mondo di tute sporche di grasso, di stereotipi di genere e d’auto d’epoca abbandonate. un mondo che richiede l’inventiva di una giovane donna, che reclama ciò che sarebbe stato. Ciò che sarebbe potuto essere.

Il costo del biglietto culturale è di 3 €, pensato per favorire una maggiore integrazione tra le varie realtà che arricchiscono il nostro territorio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!