Aurora, un classico del Muto (musica dal vivo e le stelle)

24 Agosto 2022

PORDENONE. All’arena estiva in Largo San Giorgio (Pordenone), venerdì 26 agosto alle 21, arriva la magia del cinema delle origini con “Aurora”, film del 1927 di Friedrich Wilhelm Murnau, musicato dal vivo da Zerorchestra e Accademia Naonis, in collaborazione con Le Giornate del Cinema Muto.

Aurora

Il capolavoro, firmato dal regista di “Nosferatu” e di “Faust”, narra una storia d’amore che ha fatto la storia del cinema, unendo romanticismo e tecnica hollywoodiana. Le vicende si svolgono negli Stati Uniti rurali, nell’estate del 1927. Qui, un contadino conduce una tranquilla esistenza nella sua fattoria, assieme alla moglie e al figlio. Ma un giorno la vita familiare viene stravolta dall’irruzione di una donna di città, che seduce l’uomo e lo fa cadere ai suoi piedi, tanto da convincerlo a seguirla. Ma per farlo, il contadino dovrà uccidere la moglie, mettendo in scena un annegamento. Affidato il bambino a un amico, i due coniugi salgono in barca e si allontanano dalla riva. A quel punto, lo sguardo impazzito del marito terrorizza la moglie. Fermata la barca, lui le si avvicina con fare minaccioso…

La pellicola non perde mai in tensione emotiva e capacità narrativa. Maestosa anche la scenografia: una grande città ricostruita negli studi Fox di Beverly Hills, con tanto di tramvie, rotaie sopraelevate, luna park avveniristici, in contrasto con le paludi e le immagini bucoliche della fattoria. Sapienti dissolvenze fanno da sfondo alle due storie del film: la passione torbida del marito, che architetta assieme alla sua amante l’omicidio della moglie, e l’amore puro verso la madre del proprio figlio.

Nove i musicisti che accompagneranno la proiezione: per Zerorchestra, Saverio Tasca (direzione), Luca Grizzo (percussioni), Didier Ortolan (clarinetti e sassofoni), Romano Todesco (contrabbasso e fisarmonica) e Luigi Vitale (vibrafono); per l’Accademia Musicale Naonis: Davide Bertoni (violino), Paolo Carraro (violoncello), Lucia Clonfero (violino) e Igor Dario (viola).

Condividi questo articolo!