Arte o Scienza? Premiate le immagini della Ricerca

6 Ottobre 2019

I piccoli motoneuroni prendono vita

TRIESTE. Tre immagini che sembrano opere d’arte, e allo stesso tempo illustrano diversi rami della ricerca: sono le foto vincitrici della decima edizione del concorso “Arte o Scienza? Immagini dalla ricerca”. La premiazione si è svolta a Palazzo Costanzi (Sala Veruda), a Trieste, dove sono esposte le opere selezionate nell’ambito del concorso.

La prima classificata è Silvia Bono, con l’immagine “I piccoli motoneuroni prendono vita”, realizzata all’Università di Milano. La foto, notevole per il suo cromatismo, è stata acquisita mediante un microscopio invertito a fluorescenza. Mostra delle cellule staminali neurali durante il processo di differenziamento in vitro che le porterà a diventare motoneuroni maturi, cioè le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti dei muscoli volontari.

Colonie batteriche su agar sangue

Seconda classificata è Stefania Rizzelli, del Laboratorio Neotron di Modena, con l’immagine “Colonie batteriche su agar sangue”. Si tratta di una fotografia digitale di colonie di batteri emolitici su terreno di coltura agar sangue. Macchie casuali, che attivano un meccanismo percettivo che porta il nostro sistema cognitivo a intravedere nell’immagine un volto.

Gli astrociti di Monet

Terzo classificato, è Paolo D’Errico, postdoc all’istituto Istituto Neurologico Carlo Besta e alla Uniklinikum Freiburg, con l’immagine “Gli astrociti di Monet”: colture in vitro di astrociti di topo, colorati con due diversi specifici marcatori, ricordano pitture astratte, per le forme e per gli intensi colori.

A premiare i vincitori erano presenti Angela Brandi, Assessore comunale a Educazione, Scuola, Università e Ricerca, Valter Sergo, Prorettore Vicario dell’Università di Trieste, e Mario Bucher, presidente dell’Immaginario Scientifico. Questa edizione del concorso, la decima, ha visto l’adesione di 35 partecipanti, per un totale di 112 immagini. Di queste ne sono state selezionate 28.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!