Armonie d’oro bianco: le porcellane di Eda Scrigner

28 Aprile 2021

TRIESTE. Domenica 2 maggio con inizio alle 10, apre i battenti, alla Galleria Rettori Tribbio di Trieste (piazza Vecchia 6), la mostra collettiva di pittura “Armonie d’oro bianco”. Come Alice nel paese delle meraviglie, si varca una soglia, per sentirsi subito immerso in una piacevole atmosfera fatta di candore, delicatezza e bellezza. Il mondo di Eda Scrigner è una piacevole sorpresa, una magia per la quale non bisogna ingegnarsi troppo per trovare una chiave.

Sebbene lei definisca il decorare la porcellana solo un hobby, non si nutrono dubbi sul fatto che, questa sua, sia decisamente una forma d’arte, visto che richiede gli stessi talenti del dipingere su tela: l’attitudine per il disegno e la pittura, un percorso artistico, un’attenta riflessione per la composizione, che deve essere equilibrata e perfettamente consona alla natura e alla foggia dell’oggetto da decorare. Eda Scrigner ha seguito questa grande passione con impegno sin dal 1998, trovando ispirazione da maestri contemporanei di altissimo livello, come, Patrizia Arvieri, riconosciuta a livello internazionale per la sua maestria nella tecnica e lavorazione con e su oro; Filipe Pereira, con il quale ha approfondito la tecnica di decorazione con l’olio molle; Mariela Villasmil che l’ha introdotta anche alla ritrattistica, e poi Peter Faust, riconosciuto per la tecnica del lustro pittorico, di forte affinità con l’acquerello; Patricia Pagezy Wiriath, insegnante al Musée National de Ceramique de Sèvres, Agatina Mileto e Teresa Broglia.

Questa artista “dell’oro bianco”, come viene definita squisitamente la porcellana, segue le sue idee alla ricerca di stile e raffinatezza, realizzando, oltre a decori dai canoni classici delle varie scuole storiche, anche pitture personali ed esclusive, denotate da colori delicati, fiori leggiadri, animali di una grazia fiera ed elegante, tutti soggetti che narrano del suo legame al mondo naturale. Un filone a sè stante, è occupato dalla riproduzione di ritratti femminili, affascinanti e sensuali, che si caratterizzano per la morbidezza della stesura cromatica negli incarnati.

Al suo attivo la partecipazione ad esposizioni collettive a Roma e Milano, e due mostre personali: la prima, alla sede della Lega Navale di Trieste nel 2012, dove ha esposto insieme al pittore Aldo Bressanutti, e nel 2017 alla Sala Arturo Fittke a Trieste.

La mostra – a cura di Gabriella Dipietro – è aperta fino al 14 maggio. Orari: feriali 10-12.30, 17-19.30; domenica 10-12; venerdì pomeriggio e lunedì chiuso. www.rettoritribbio.com | http://www.gabrielladipietro.com/2021/04/24/armonie-doro-bianco/

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!