Aria di jazz: concerto omaggio a Vladimiro Miletti

14 Settembre 2016

giovanni-maier_021PORDENONE. Un tentativo riuscito di tradurre la carica dirompente, cinetica e anticonvenzionale del jazz con la poesia futurista. “Con Aria di jazz voglio rendere la simultaneità di suono-impressione provocata dal jazz; sincronizzare i ritmi delle parole in libertà con quelli del jazz; vivificare e sintetizzare l’ambiente caratteristico del jazz”, scriveva, il ventunenne poeta triestino, Vladimiro Miletti, nel dare alle stampe, per le Edizioni dell’Alabarda, Aria di jazz. Mai parole furono più profetiche. Grazie alla visionarietà e all’impegno del Conservatorio di Musica “Giuseppe Tartini” di Trieste, in collaborazione con il Circolo Culturale Controtempo – “Il Volo del Jazz”, a Pordenonelegge 2016, il desiderio di Vladimiro Miletti è diventato realtà.

Un ensemble delle grandi occasioni, giovani talenti e professionisti del jazz – Robert Mikuljan alla tromba, Giorgio Giacobbi al sax soprano; Sergio Bernetti al trombone; Matteo Alfonso al pianoforte; Giovanni Maier al contrabbasso; Camilla Collet alla batteria – si esibirà, domani, giovedì 15 settembre, ore 10:30, nell’Auditorium Istituto Vendramini, in “Aria di Jazz”: concerto in omaggio a Vladimiro Miletti”, nell’ambito di Pordenonelegge ‘Parole in scena’, ovvero dei linguaggi contigui e comunicanti fra spettacolo e letteratura.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!