Appuntamenti alla Friuli

1 Giugno 2017

UDINE. Un sabato con due incontri è quello che propone la Libreria Friuli di Udine (via dei Rizzani, 1), cominciando con un’opera che parla in primo luogo ai bambini. Dopo il successo di “Vorrei un tempo lento lento” (finalista al Premio Andersen 2015, inserito tra gli Irrinunciabili di Nati per Leggere 2015), è uscito il nuovo libro di Luigina Del Gobbo “Perché io… sono così!”, illustrato da Martina Paderni, edizioni Lapis. Il nuovo libro verrà presentato alle 11. Oltre all’autrice, saranno presenti l’illustratrice e Carlo Tolazzi che interverrà con delle letture.

L’albo illustrato è ispirato alla storia della coreografa del celeberrimo musical “CATS”: la ballerina britannica Gillian Lynne. Gillian è una bambina che non riesce a stare ferma, inizia con entusiasmo ogni cosa, ma poi non porta mai nulla a termine. Per lei il mondo è come un grandissimo armadio dai cassetti semiaperti in cui frugare, alla ricerca di nuove avventure. L’esuberanza di Gill e questa sua tendenza a distrarsi alla prima occasione le causano continue ramanzine da parte della maestra. A chi le chiede perché si comporti in quel modo, Gill risponde: “Perché io, sono così”. Quando la mamma, preoccupata, chiederà il consulto di un medico, il dottore la tranquillizzerà invitandola ad iscrivere la bambina a un corso di danza… Una storia dedicata ai bambini che cercano la propria strada e agli adulti che gliela lasciano trovare.

Gill, la bambina che non riusciva a stare ferma, è un personaggio di fantasia ispirato a Gillian Barbara Lynne (1926), britannica, attrice e regista teatrale, ballerina, coreografa in numerose produzioni di opere al Covent Garden Theatre e alla Royal Opera House, insegnante alla Royal Academy of Dance di Londra, conosciuta soprattutto per aver firmato le coreografie del celebre musical di Andrew Lloyd Webber e T.S. Eliot “Cats” e quelle del musical “The Phantom of the Opera”.

Alle 18, Aldo Tollini presenterà il suo ultimo libro “L’ideale della via”. Intervisterà l’autore Maurizio Kōgyō Florissi (Gruppo Zen Udine). La Via occupa un posto di particolare rilievo nella civiltà giapponese medievale, dando vita, nelle varie forme in cui si manifesta, tra le quali la Via del Guerriero, del Tè, della Poesia, al nucleo fondamentale della cultura che si sviluppò tra i secoli XII e XVII. È il periodo in cui i samurai vennero alla ribalta della scena politica e sociale, e poi anche culturale, prendendo e gestendo il potere effettivo: un’epoca di sanguinose lotte, ma pure di una grande fioritura intellettuale che ha lasciato un segno indelebile persino sulla società giapponese contemporanea.

Questo libro ripercorre le principali fasi dello sviluppo dell’ideale della Via, esplorandone la storia e le principali manifestazioni all’interno del pensiero dei samurai, nella poesia e nel Buddhismo. Guerrieri, monaci e poeti sono gli attori principali della scena medievale giapponese: nella pratica della Via, nella sua forma più elevata, essi sono uniti dall’unico ideale del perfezionamento spirituale. L’evento è in collaborazione con l’Associazione Culturale Kitsune e Gruppo Zen Udine.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!