Analisi del post-colonialismo

7 Novembre 2018

TRIESTE. Secondo appuntamento collaterale, venerdì 9 novembre alle 17 con ingresso gratuito all’Auditorium Marco Sofianopulo del Museo Revoltella, per la mostra Altrestorie/Otherstories, curata da Sergia Adamo e Laura Carlini Fanfogna nell’ambito del progetto di divulgazione della cultura umanistica dell’Università di Trieste finanziato dalla Regione, allestita in coorganizzazione con il Comune di Trieste nella sala Scarpa del Museo Revoltella di Trieste, dall’1 al 18 novembre.

Protagonista dell’evento sarà una delle artiste in mostra, Trinh T. Minh-ha, tra le figure fondanti degli studi postcoloniali. Trinh è presente con l’installazione Old Land New Waters, creata nel 2007, in cui gli elementi dell’acqua e della terra (che nella lingua vietnamita si uniscono per indicare il ”territorio”), evocano la dimensione dell’appartenenza sullo sfondo della globalizzazione contemporanea. L’elaborazione teorica di Trinh ha sempre proceduto nella messa in discussione delle pratiche della ricerca e della riflessione teorica, nella necessaria contaminazione di discorsi e nell’interrogazione di forme alternative e sempre nuove di narrazione; e la sua presenza a Trieste, dove terrà la lezione in lingua inglese “Don’t Stop in the Dark: The Politics of Form and Force”, ne fornirà un esempio.

Trinh T. Minh-ha, attualmente professoressa di ”Gender & Women’s Studies and Rhetoric” all’Università di Berkeley, è una filmaker indipendente nota a livello mondiale, teorica del femminismo e post-colonialismo. I suoi corsi sono incentrati su opere realizzate da donne sui temi della cultura politica, post-coloniale, teoria critica contemporanea e arti. Ha insegnato nelle Università di Harvard, Smith, San Francisco, Illinois, Ochanomizu (Giappone) e al Conservatorio nazionale di Musica del Senegal. Oltre agli otto libri pubblicati, il suo lavoro include anche grandi installazioni e filmati premiati in numerose retrospettive nel mondo.

Prossimo appuntamento collaterale di Altrestorie/otherstories sarà domenica 18 novembre alle 17.30, con una riflessione sul ruolo della tecnologia con Talos Arkadi Zaides (in collaborazione con CSS Teatro stabile di innovazione del FVG Dialoghi Residenze per le arti performative a Villa Manin, e con il sostegno di Fondazione CRTrieste e Fondazione Kathleen Foreman Casali).

Sono inoltre in programma visite guidate alla mostra il 10 novembre alle 17 e l’11 novembre alle 11.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!