Ambasciatori della madrelingua: sfida sui Social

20 Febbraio 2017

UDINE. L’ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) ricorda che il 21 febbraio si celebra la Giornata internazionale della lingua madre, istituita dall’Unesco nel 1999 per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo, punti centrali nell’attività istituzionale dell’Agenzia. La data è stata scelta per ricordare il 21 febbraio 1952, quando quattro studenti bengalesi dell’Università di Dacca furono uccisi dalle forze di polizia del Pakistan (che allora comprendeva anche il Bangladesh) mentre protestavano per il riconoscimento del bengalese come lingua ufficiale.

Il tema scelto per l’edizione di quest’anno sottolinea il nesso profondo che esiste tra le biografie linguistiche di ogni bambino e ragazzo e la riuscita scolastica ed è infatti: “L’inclusione nell’educazione e attraverso l’educazione. La lingua conta”. A tal proposito, il compianto linguista recentemente scomparso, Tullio De Mauro, scriveva: “La lingua materna in cui siamo nati e abbiamo imparato a orientarci nel mondo, non è un guanto, uno strumento usa e getta. Essa innerva la nostra vita psicologica, i nostri ricordi, associazioni, schemi mentali”.

Per l’occasione, è partita anche una nuova e divertente sfida sui social per diventare Ambasciatori della lingua madre e promuovere e celebrare, su internet, la diversità culturale e linguistica con una particolare attenzione alle lingue di minoranza, indigene e in via di estinzione. Per aderire, è sufficiente creare un meme originale in friulano, aggiungere l’hashtag #MemeML e #Furlan, pubblicarlo su Facebook, Instangram o Twitter e moltiplicarne le condivisioni e i commenti. A questo link si possono trovare tutte le informazioni e le indicazioni per partecipare alla sfida: https://furmememl.wordpress.com/. L’ARLeF, dal canto suo, ha già creato 8 meme par furlan che si possono scaricare dal suo profilo Facebook.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!