Altre chiesette da scoprire

20 Maggio 2022

AQUILEIA. Dopo il successo del primo week-end, ritorna per la sua seconda tappa, sabato 21 e domenica 22 maggio, “Rammenta chiaro Isonzo” il nuovo viaggio transfrontaliero pensato e organizzato da Dramsam alla scoperta di chiese di città e di campagna, tra esempi di arte e musica popolare alla scoperta di un mondo antico di angeli e pastori, colori e visioni, canti e strumenti musicali. Per il prossimo fine settimana l’appuntamento in alcune delle più suggestive chiese e chiesette rupestri abbinando storia, musica e gastronomia è nella chiesa di San Martino a Terzo di Aquileia (sabato 21 alle 18) e in quella di Sant’Andrea a Gluho Vrhovlje, in Slovenia (domenica 22 alle 11).

La chiesa di San Martino a Terzo di Aquileia risale al XI secolo ed è stata rimaneggiata fino al Settecento. La costruzione e la decorazione del presbiterio risalgono alla fine del XV secolo e sulla volta dell’abside sono ancora conservati affreschi con una pluralità di angeli musicanti e un gran numero di strumenti. A Gluho Vrhovlje, la chiesa a navata unica della seconda metà del XV secolo custodisce nel presbiterio gli affreschi medievali tra cui sette angeli con strumenti musicali. I dipinti seguono il tipo iconografico del “presbiterio carniolano” che compare spesso nel nostro territorio.

Il format del progetto è presentare due località per ogni week-end, una italiana e una slovena, unendo l’aspetto storico delle chiese di volta in volta visitate grazie agli storici Andrea Bojić e Andrea Bellavite e con l’accompagnamento musicale dell’Ensemble Dramsam composto da Fabio Accurso, Alessandra Cossi, Marco Ferrari e Fabio Tricomi. Al termine dei concerti, nelle zone degli appuntamenti musicali, verranno suggerite interessanti proposte per cene e pranzi in gostilne e osterie locali che offrono ricette della tradizione culinaria italo-slovena.

La partecipazione è gratuita con prenotazione suggerita, inviando una email a info@dramsamcgma@gmail.com. Info: www.dramsam.org

Nelle foto, i concerti a Gorizia e a Tolmino (sotto).

Condividi questo articolo!