Alberto Fasulo racconta il suo film Rumore bianco

29 Giugno 2017

VILLACH. La penultima serata di Cinemambulante, la scuola itinerante di cinema ideata e promossa da Videomante con il supporto della Regione si appresta a chiudere il suo programma di appuntamenti. Dopo la Slovenia, farà tappa venerdì 30 giugno in Austria, a Villach dove nella Rathausplatz di Villach troverà spazio la piccola lezione di cinema condotta dal regista Alberto Fasulo.

Alberto Fasulo

Classe 1976 e sanvitese di nascita, Fasulo è il regista che nel 2013 ha vinto il premio Marc’Aurelio d’oro al Festival internazionale del film di Roma col suo secondo lungometraggio, Tir, storia di un ex insegnante croato diventato camionista. Nella serata di venerdì i riflettori saranno puntati però su Rumore bianco, suo film d’esordio come autore e documentario che di diritto può essere considerato il più bel ritratto geografico e umano del fiume Tagliamento mai realizzato prima. Il regista, a partire dalle 20.30 ricomporrà per il pubblico la narrazione di un progetto cinematografico che non smette negli anni di esercitare il suo fascino. Si tratta di “un’opera sensibile e ambiziosa (…) un’accorata sinfonia audiovisiva che celebra la magia della Natura e la memoria degli elementi” come si legge nella motivazione della giuria che nel 2009 a Ischia lo ha fregiato del premio miglior film documentario.

Alberto Fasulo inizia il suo percorso formativo con lo studio di grandi maestri del cinema documentario internazionale. Nel 2001 è assistente alla regia di Alessandro Rossetto in Chiusura. Da quella prima esperienza intraprende una formazione sul campo a 360°. Inizia come fonico di presa diretta per Pannone, Comencini, Coppola. Nel 2008, l’esordio come autore con Rumore bianco.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!