Alberi di risonanza: con PianoFvg/Ute a Malborghetto

6 Ottobre 2017

SACILE. In vista del prossimo Festival pianistico che si terrà nel mese di novembre, PianoFVG prosegue con la programmazione degli eventi musicali sul territorio regionale, per i quali fondamentale è la sinergia con varie istituzioni culturali che partecipano attivamente al progetto. Tra questi l’UTE di Sacile e Altolivenza, Associazione che fa parte del Comitato Scientifico di PianoFVG e da tempo ne affianca le attività, com’è nel caso della visita guidata, proposta in collaborazione tra i due sodalizi, alla scoperta degli Alberi di Risonanza nella Foresta di Malborghetto, in Val Canale. Sabato 7 ottobre è in programma infatti una giornata nel segno della musica e dell’abilità artigianale che fa la differenza nella creazione dei migliori strumenti musicali, dai quali i più grandi artisti possono trarre la loro ispirazione.

Giada Visentin

La Foresta di Malborghetto, all’interno della quale è stato inaugurato lo scorso anno uno speciale Sentiero che porta nel cuore degli abeti scelti proprio per questa finalità, è ben nota a liutai, ricercatori e musicisti, proprio per l’alta qualità del suo “legno armonico”, ormai celebre e ricercato quanto quello della famosa Val di Fiemme che alimentò un tempo gli Stradivari e oggi anche la produzione dei pianoforti Fazioli. La giornata di visita prevede una passeggiata tra gli abeti condotta dalle guide del Corpo Forestale e quindi, dopo il pranzo ai margini del bosco, una conferenza-concerto nella Sala del Consorzio di Ugovizza, grazie alla collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Malborghetto-Valbruna, con la partecipazione di diversi esperti: il professor Giorgio Alberti dell’Università di Udine, docente di Selvicoltura che ha condotto diverse ricerche sugli abeti di risonanza; il liutaio Angelo Sperzaga, del Consorzio Liutai di Cremona, oltre che docente alla Scuola Internazionale di Liuteria della città, che porterà con sé anche diversi strumenti da confrontare rispetto alla tipologia del legno e alla sua resa sonora.

Infine, per la parte musicale, PianoFVG ospiterà una giovanissima violinista veneta, Giada Visentin (classe 1998), vincitrice tra l’altro del Primo Premio alla XXIX edizione del prestigioso Concorso “Lilian Caraian” di Trieste, selezionata per partecipare alla Masterclass dell’Accademia dei Solisti Veneti, diretta da Claudio Scimone, oltre che alla Nuova Orchestra Busoni di Trieste, diretta da Massimo Belli. A lei il compito di eseguire una selezione di pagine solistiche confrontando la voce e le caratteristiche di alcuni strumenti diversi per legno, età e bottega, per darne diretta evidenza al pubblico.

Condividi questo articolo!