“Al suon de la sua voce” Omaggio a Dante dal GdU

19 Marzo 2021

UDINE. In occasione delle celebrazioni per il 700° anniversario della morte, il Teatro Nuovo Giovanni da Udine propone al pubblico un omaggio speciale al padre della lingua italiana: Al suon de la sua voce – tre ascolti immersivi nella poesia della Divina Commedia di Dante Alighieri, un progetto artistico di Giuseppe Bevilacqua che sarà disponibile liberamente sul sito del Teatro (www.teatroudine.it, sezione podcast) a partire dal 25 marzo in occasione del Dantedì. Ogni ascolto, della durata di circa 45 minuti, è dedicato a una Cantica; alla voce del direttore prosa del Teatro Nuovo si accompagneranno quelle di Serena Costalunga e Gianni Nistri e gli appunti di critica dantesca a cura di Domenico De Martino, mentre per la parte musicale si potrà ascoltare Matteo Bevilacqua al pianoforte e il Coro Polifonico di Ruda diretto da Fabiana Noro.

Giuseppe Bevilacqua

Caratteristica saliente di questo omaggio al padre Dante sarà la possibilità dell’ascolto binaurale, con una spazializzazione del suono registrato di grande suggestione acustica. La lettura dell’attore e regista Giuseppe Bevilacqua, tra i massimi esperti di tecnica vocale in Italia e sensibilissimo interprete dei versi danteschi, – è “spazializzata” grazie al disegno del suono binaurale a cura di Alessandro Sdrigotti e Claudio Parrino. Questo processing del suono ottiene effetti di grande suggestione acustica, particolarmente adatta ad immaginare i percorsi fisici e metaforici dei versi danteschi, permettendo all’ascoltatore di vivere una esperienza immersiva in un suggestivo “paesaggio sonoro”.

Le presenze femminili della Commedia sono interpretate dalla brillante vocalità di Serena Costalunga, attrice friulana neodiplomata all’Accademia Silvio D’Amico; i canti sono brevemente introdotti da parafrasi lette da Gianni Nistri e conclusi da appunti di critica dantesca registrati direttamente dall’autore, Domenico De Martino, docente di Storia della critica letteraria dell’Università di Pavia e direttore del Festival Dante2021 di Ravenna.

“Dopo un primo omaggio al Paradiso dantesco rappresentato dallo spettacolo di apertura della nuova stagione di prosa, uno dei pochissimi che siamo riusciti a mettere in scena a causa della pandemia, volgiamo nuovamente lo sguardo sull’immensità della Divina Commedia – spiega Giuseppe Bevilacqua – con il proposito di dare un segnale di qualità e impegno in un momento difficile come quello che stiamo attraversando. La possibilità di ‘riscoprire’ il mondo, e quindi di credere di poterlo riprogettare, migliorare, è forse l’eredità più grande che ci ha lasciato Dante e speriamo che il nostro pubblico possa cogliere questo anelito di speranza anche nel piccolo lavoro che ci ha visti impegnati a teatro nonostante il fermo di questi mesi”.

Nei tre ascolti immersivi proposti l’apporto dell’ascolto musicale non è mai impostato come un mero intercalare tra i suoni delle voci e neppure come un frapposto commento musicale alle parole del padre della lingua italiana. I brani di Liszt, Ligeti e Rachmaninov – eseguiti dal giovane ma già pluripremiato pianista udinese Matteo Bevilacqua – e di Whitacre, Sato e Da Rold – cantati con la ben nota espressività artistica dal Coro Polifonico di Ruda diretto da Fabiana Noro – saranno intrecciati alle voci dei lettori, grazie anche all’uso dei battimenti acustici, interagendo con queste e generandone colori, ritmi e forza espressiva.

Nel primo ascolto, Mossi la voce vengono letti integralmente i canti I e V, dell’Inferno, conclusi dalle terzine finali (vv. 127-139) del canto XXXIV. Lo stile vocale epico-narrativo si intreccia ai brani pianistici Sunt Lacrymae Rerum di Franz Liszt e dello Studio n. 13 di György Ligeti. Nel secondo ascolto Tutti insieme ad una voce, sono letti integralmente i canti I e XXX del Purgatorio, conclusi dalla lettura delle terzine finali (vv. 139-145) del canto XXXIII. Lo stile vocale psicologico-narrativo si appoggia all’esecuzione del brano pianistico Preludio n. 10, op.32 di Sergej Rachmaninov e di quello corale Lux aurumque di Eric Whitacre. Il terzo ascolto Che voce avrai tu più è impostato a uno stile vocale intimo-piano, nella lettura integrale dei canti I e XXXIII del Paradiso, intrecciati ai brani corali Lux aurumque di Eric Whitacre, Expergisci di Kentaro Sato e Ubi caritas di Manolo Da Rold.

Al suon de la sua voce sarà ascoltabile sul sito del teatro a partire dalle prime di giovedì 25 marzo e rimarrà disponibile gratuitamente all’ascolto nei giorni successivi sempre sul sito www.teatroudine.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!