Yasmina Khadra al centro del festival Dedica 2016

30 Gennaio 2016
Yasmina Khadra

Yasmina Khadra

PORDENONE. Sarà Rachid Taha, uno fra i maggiori esponenti del genere pop-raï e della scena rock multiculturale francese, con il suo Couscous Clan, il protagonista dell’evento musicale del festival Dedica 2016. In attesa di conoscere nel dettaglio il programma della rassegna, organizzata dall’associazione Thesis (la presentazione del calendario è prevista il 10 febbraio), ecco la prima anticipazione sul festival che vedrà al centro lo scrittore algerino di lingua francese Yasmina Khadra dal 5 al 12 marzo: otto giorni densi di appuntamenti che condurranno il pubblico nel mondo di uno fra i maggiori autori del nostro tempo le cui opere, tradotte in 42 Paesi, hanno venduto nel mondo oltre 40 milioni di copie. Otto giorni per riflettere, con lui e con i tanti ospiti del festival, sulla complessità del presente: l’opera di Yasmina Khadra testimonia infatti una particolare attenzione per gli avvenimenti che agitano il mondo contemporaneo, avvenimenti che lo scrittore sa magistralmente filtrare attraverso l’invenzione affabulatrice.

“Oran Métissage” è il titolo dell’appuntamento con il quale Rachid Taha & Couscous Clan sabato 12 marzo chiuderanno il festival, alle 20.45, nel Teatro Verdi di Pordenone. Un evento costruito per Dedica, che farà conoscere al pubblico un artista poliedrico, influenzato da molteplici movimenti musicali, Rachid Taha, accompagnato da quattro musicisti – Kenzi Bourras alla tastiera, Hakim Hamadouche all’oud, Franck Mantegari alla batteria e Juan de Guillebon al basso – per l’occasione, oltre a riprendere i brani classici che l’hanno reso famoso, presenterà al pubblico del festival alcuni dei suoi nuovi pezzi, offrendo così ampia prova del suo stile unico e della sua atipica identità di musicista, che sa far convergere due orizzonti culturali fondendo in maniera personalissima la musica occidentale con la tradizione nordafricana.

E un “assaggio” di Rachid, del suo mondo musicale e del suo progetto con il Couscousclan, sarà offerto domenica 31 gennaio dalla fortunata trasmissione di Rai Tre “Gazebo”, in onda in seconda serata, attorno alle 23.30, che ospiterà il musicista.

Rachid Taha

Rachid Taha

Nato ad Orano, arrivato in Francia all’età di dieci anni, Taha si è ben presto appassionato al punk, mai dimenticando però la cultura musicale d’origine. Negli anni Ottanta è stato il cofondatore e il cantante del gruppo rock Carte de Séjour. Ha poi proseguito la sua carriera come solista e compositore. Inoltre, negli anni ha duettato con artisti quali Patti Smith, Robert Plant, Faudel e Khaled. Artista duttile, Rachid Taha non esita ad attingere ad ogni cultura per creare il proprio stile, trovando un coerente punto di incontro fra elementi nitidamente maghrebini e un sound e uno slancio schiettamente rock. Il suo ultimo album, “Zoom”, pubblicato nel 2013, nono di un’appassionante carriera di iniziata 30 anni fa con il gruppo Carte de Séjour – in cui cantava in inglese e arabo, ispirato dal gruppo The Clash – lo ha “consegnato” al pubblico più poetico ed espressivo, più rock e più pazzo che mai. Dotato di un casting di prestigio, l’album ha riunito nomi come l’ex Clash Mick Jones, Brian Eno, Rodolphe Burger e in una ripresa di Voilà Voilà (versione bonus) invitati quali Agnès B, Rachida Brahkin, Eric Cantona, Femi Kuti e Christian Olivier.

I biglietti – il costo è di 15 euro – per il concerto saranno in vendita dal 15 febbraio online (attraverso il sistema di prenotazione del Teatro Verdi, www.comunalegiuseppeverdi.ticka.it) e dal 25 febbraio anche alla biglietteria del Teatro Verdi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!