Il viaggio armeno di Elio Ciol Mostra a Sesto al Reghena

29 Settembre 2016

SESTO AL REGHENA. Un progetto culturale intessuto fra vestigia del mondo e contemporaneità, fatto di arte, fotografia e musica: un evento che esprime l’urgenza di ‘materializzare’ ponti e network fra latitudini estreme del pianeta, affiancando popolo a popolo nel costante fluire dell’umanità. Da queste premesse nasce la nuova edizione del Festival internazionale di Musica Sacra promosso da Presenza e Cultura con il Centro Iniziative Culturali di Pordenone: un grande cartellone autunnale che come sempre attraversa diversi linguaggi, oltre a quello più specificamente musicale. Due esposizioni ‘gemelle’, concepite nel segno del grande fotografo paesaggista Elio Ciol, sono chiamate a integrare un percorso che guiderà attraverso il tema “Da nord a sud del mondo. La fede dei popoli”, traccia guida del Festival in questo 2016.

ciol-imagoSabato primo ottobre, innanzitutto, nella splendida Abbazia di Santa Maria in Sylvis a Sesto al Reghena sarà inaugurata – alle 17 – la mostra “Elio Ciol. Il canto della pietra. Armenia 2005”, che raccoglie una quarantina di scatti eseguiti nel 2005 dal grande fotografo paesaggista, allora 76enne. «Sarà questa sua sacralità non esibita – spiega la presidente CICP Maria Francesca Vassallo – senza effetti speciali, che scioglie alberi e colline tra le nebbie in spazi senza confini, che va a cercare anche in Paesi lontani segni e significati in muri, pietre, case e chiese, a siglare idealmente l’avvio della 25^ edizione del Festival Internazionale di Musica Sacra. Un richiamo ai valori presenti in ogni cultura, ieri e oggi, attraverso la musica, l’arte, la storia, in un progetto molto articolato che coinvolge con presenze e collaborazioni importanti istituzioni del Friuli Venezia Giulia e di altre regioni che si affacciano al Nord come pure ad Oriente e sul Mediterraneo. Una scelta che ci porta all’attualità, dove i conflitti stravolgono e distruggono, mentre cresce a dismisura l’urgenza di pensieri solidi e azioni costruttive. Ci siamo affidati a Elio Ciol e al suo sguardo che, dal Friuli Venezia Giulia, ha seguito le tracce trasfigurate del sacro nei tantissimi luoghi da lui scelti e percorsi. Come in Armenia con le sue croci, ora visibili a noi in Sesto al Reghena. E come nella mostra “Nel soffio della storia”, che sarà a San Vito al Tagliamento».

“Elio Ciol. Il canto della pietra. Armenia 2005” resterà visitabile fino al 13 novembre (con ingresso libero, da venerdì a domenica in orario 10/12 e 15/18. L’evento è promosso con il Comune di Sesto al Reghena e inoltre in collaborazione con la Regionea. Alla vernice del primo ottobre interverranno, con l’artista Elio Ciol, il critico Giancarlo Pauletto e la presidente CICP Maria Francesca Vassallo.

Condividi questo articolo!