Va in scena Cancun, segreti coniugali da non rivelare

22 Novembre 2015

CASARSA. Jordi Galceràn è uno dei commediografi contemporanei più apprezzati da pubblico e critica. Il suo ultimo lavoro, Cancun, andrà in scena nel circuito ERT per tre date: martedì 24 novembre al Teatro Pier Paolo Pasolini di Casarsa (ore 20.45), venerdì 11 dicembre all’Auditorium Aldo Moro di Cordenons (ore 21) e sabato 12 dicembre all’Auditorium Biagio Marin di Grado (ore 20.45). Sul palco, diretti da Marco Mattolini, saliranno Mariangela D’Abbraccio, Blas Roca Rey, Giancarlo Ratti e Nicoletta Della Corte, la produzione è della Contrada di Trieste.

CancunNato a Barcellona nel 1964, Jordi Galcerán è scrittore, autore, traduttore e sceneggiatore; inizia a scrivere per il teatro nel 1988, ma è nel 2003, con Il Metodo Gronholm, che si fa conoscere a livello internazionale, anche grazie al film di Marcelo Piñeyro che ne viene tratto. Il prestito, prodotto nel 2013, gli ha fruttato nel 2014 il premio Ceres per il miglior testo teatrale al Festival del Teatro di Merida in Spagna. La Contrada ha già allestito con successo una prima edizione de Il metodo e, in versione a leggìo, de Il prestito. Galceràn è maestro nell’esplorare i rapporti tra uomo e donna, con un occhio ironico, divertente, ma mai banale, passando con disinvoltura dal tono della commedia a quello sofisticato di una storia contemporanea.

Cancun è una commedia dagli aspetti comici e surreali sulle relazioni e i desideri inconfessabili dell’amore coniugale. Due coppie di amici vanno in vacanza a Cancun, meta perfetta per celebrare oltre vent’anni di amicizia. Tutto sembra perfetto ma nei festeggiamenti si consuma forse troppo alcol: l’ebbrezza infatti porta a rivelare dei segreti che sarebbe stato meglio restassero tali, rendendoli consapevoli che le cose in passato sarebbero potute andare in maniera diversa. Ma se la vita nella quale si erano riposte tante aspettative si è rivelata meno bella del previsto, cosa può succedere? E se i desideri più inconfessabili per uno strano gioco del destino si potessero realizzare?

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!