Une gnot misteriose

29 Ottobre 2012

PIU’ SOTTO LA VERSIONE IN ITALIANO

TAVAGNA’. Di un doi/trê agns in ca il Comun di Tavagnà, cul Sportel Lenghe Furlane, al torne a cjapâ sù e a proponi in clâf moderne lis tradizions tipichis de nestre culture furlane. In particolâr inmaneant seradis che a a dan impuartance a ciertis datis, zornadis, usancis tant che la Gnot di Sant Zuan vie pal mês di Jugn o, come in chest câs, la Gnot dai Muarts ai 31 di Otubar. La ultime gnot di Otubar si viest di un significât arcaic e simbolic. Une volte, cheste gnot e rapresentave la sierade, si finivin lis vendemis, si cjapave su la blave e lis fameis si spartivin lis riservis pal Invier, alfin si dave ancje il cuartês al plevan. E segnave un dai moments plui impuartants di dute la anade: il passaç tra la stagjon dal cjapâ sù e chê dal semenâ. No ricuardave dome il Dies parentales dai Romans, ma e coincideve cul prin dal an celtic, il Samhain, cuant che il mont dai vîfs si miscliçave cun chel dai muarts. Muarts che a vevin soreintindût ai rituâi propiziatoris pal samenâ, a carnevâl, e che cumò a pratindevin la lôr part. Le nestre tiere e a mantignût chest contat magjic e misteriôs.

“La Gnot dai Muarts, la Gnot des animis, la civuite, la lûs de lune e dai lumins, la tiere, un cjaldîr plen di aghe fin sul ôr tirât a lustri de man di un canai e picjât sul seglâr prime di lâ a durmî, la Gnot dai Sants. Lis nestris peraulis in poesie, conte e cjant, un linzûl blanc di disegnâ, la musiche, un pas di bal, par dî che la muart no je fin ma cambiâ, che la vite no finìs ma e scjampe nome un nin plui inlà, e i ricuarts, lis presincis cidinis tal vivi di ogni dì, lôr animis in svol, nô oms len che al art, rosis rossis come il fûc e bufs di aiar che al va…”

Chest nus contaran il 31 di Otubar aes 9 di sere intal Centri Civic di Tavagnà (in Vie de Madonute) “Su la puarta da la not” di e cun Luigina Lorenzini, Fernando Gerometta e Lucia Miorini, compagnats di Loreta Battistella – mieç sopran; Renzo Stefanutti – ghitare e vôs; Susan Franzil – violoncel e vôs Emanuele Stefanutti – batarie e percussions, i dissens a son di Saira Franzil e il moviment di bal di Noel Colledani.Te seconde part de serade Renzo Stefanutti al presentarà il so CD Aliante. La iniziative e je inmaneade dal Sportel Lenghe Furlane dal Comun di Tavagnà cul contribût de Provincie di Udin, in colaborazion cun Radio Onde Furlane e cu la Associazion culturâl Pionîrs.

————————————

TAVAGNACCO. Da un paio d’anni il Comune di Tavagnacco, grazie allo Sportello Lingua Friulana, riprende e ripropone in chiave moderna alcune tradizioni tipiche della nostra cultura friulana. In particolare organizzando serate che danno importanza a certe date, giorni, usanze come la Notte di San Giovanni nel mese di giugno o, come in questo caso, la Notte dei Morti il 31 ottobre. L’ultima notte di ottobre si veste di significati arcaici e simbolici; un tempo rappresentava la fine dei raccolti, la fine della vendemmia, la spartizione delle riserve per l’inverno fra le varie famiglie e il pagamento del “cuartês” al parroco. Segnava uno dei momenti più importanti di tutto l’anno: il passaggio fra la stagione della raccolta e quella della semina. Ricordava i Dies parentales dei Romani e coincideva con il capodanno celtico, il Samhain, quando il mondo dei vivi incontrava quello dei morti. Morti che avevano protetto i riti propiziatori della semina, a carnevale, e che ora pretendevano la loro parte. La nostra terra ha mantenuto questo sottile contatto magico e misterioso.

“La Notte dei Morti, la notte delle anime, della civetta, la luce della luna e dei lumi, la terra, un caldiere pieno d’acqua fino all’orlo tirato a lustro dalle mani di un ragazzetto e appeso sul lavello prima di andare a letto, la Notte di Ognissanti. Le nostre parole in poesia, nei racconti e i nostri canti, un bianco lenzuolo da disegnare, la musica e un passo di danza, per affermare che la morte non è la fine ma il cambiamento, che la vita non termina ma fugge solo un po’ più in là, e i ricordi, le presenze silenziose nel giorno dopo giorno, loro anime in colo noi legno che brucia, rose rosse come fuoco e soffi di vento che se ne va…”

Tutto questo ci verrà raccontato il 31 Ottobre alle 21 nel Centro Civico di Tavagnacco ne “Su la puarta da la not” di e con Luigina Lorenzini, Fernando Gerometta e Lucia Miorini, accompagnati da Loreta Battistella – mezzo soprano; Renzo Stefanutti – chitarra e voce; Susan Franzil – violoncello e voce Emanuele Stefanutti – batteria e percussioni, i disegni sono di Saira Franzil e il movimento di danza di Noel Colledani. nella seconda parte della serata Renzo Stefanutti al presentarà il so CD Aliante. L’iniziativa è organizzata dallo Sportello Lingua Friulana del Comune di Tavagnacco con il contributo della Provincia di Udine, in collaborazione con Radio Onde Frulane e l’Associazione Culturale Pionîrs.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!