Una stagione molto ricca che coinvolgerà Udine e Osoppo

2 Ottobre 2015

UDINE. Dopo il matrimonio culturale dello scorso anno tra Udine e Osoppo che sono le “Case” della compagnia, è stata presentata la Nuova Stagione di Anà-Thema Teatro “Eureka 6” nella Salone nobile di Palazzo Morpurgo a Udine. “Sogno o Realtà” è il titolo della sesta stagione della compagnia che ha proposto un ricco cartellone di spettacoli ed eventi di rilievo. Sono passati cinque anni dalla presentazione della prima stagione e Anà-Thema è cresciuta molto grazie alla tenacia, alla forza delle idee e al sostegno del sempre più numeroso pubblico che segue gli spettacoli proposti; ma soprattutto la compagnia è diventata grande grazie ai suoi sogni ed alla continua ricerca per realizzarli. Così tra luci colorate, le note de “I sogni son desideri” cantate dalla soprano Elena Pontini e le letture degli attori della compagnia sono stati raccontati, in una magica conferenza stampa, gli appuntamenti tanto attesi della nuova stagione.

conferenza stampa 2EUREKA giunge così alla sua sesta stagione e per questo importante traguardo, si compone di due cartelloni che riuniscono più di 40 appuntamenti articolati tra Udine e Osoppo, mantenendo vivi i principi che da sempre animano la compagnia: costruire un nuovo modo di fare e proporre un teatro per tutti. Il pubblico e il territorio hanno chiesto alla compagnia fin dal principio “la differenza”, ed è proprio questo che continuerà ad offrire con sincerità culturale: un’offerta libera ed indipendente di teatro, danza, musica e spettacolo con la promessa di un dialogo e di un incontro che da sempre contraddistingue Anà-Thema e che fa, di quella stretta di mano alla fine degli spettacoli tra attori e spettatori, una vera e propria missione.

Grazie ai due cartelloni, la rete culturale di Anà-Thema Teatro raggiunge quest’anno tutta la regione, mantenendo come centri culturali del lavoro della compagnia, Udine e Osoppo. Eureka 6 riunisce tutti gli eventi che spaziano dal ricchissimo cartellone del Teatro della Corte di Osoppo alla stagione di eventi udinesi in location d’eccezione, simboli culturali e turistici della città. La città di Udine è sempre più unita al percorso di Anà-Thema Teatro anche grazie alla convenzione appena firmata che sancisce la collaborazione con l’assessorato alla cultura per la realizzazione di eventi negli spazi comunali ed in particolare nei musei della città.

A Udine si rinnova la tradizione del CAPODANNO A TEATRO che per il sesto anno animerà la notte del 31 dicembre con lo spettacolo “Once Upon a Time” di Anà-Thema ma, che a differenza delle altre edizioni, non si svolgerà più al Teatro Palamostre ma in un luogo ancora più suggestivo: la ex Chiesa di San Francesco. Tutta la città diventerà palcoscenico per la nuova trilogia composta da “Udine del mistero”, una visita di Udine insolita e misteriosa dove il Commissario Matranga accompagnerà il pubblico alla scoperta di luoghi misteriosi che rivivranno grazie alle suggestive ricostruzioni teatrali; “Udine dell’amore” una passeggiata romantica nel centro di Udine, dove i luoghi della vita quotidiana diventeranno “palcoscenici” delle più belle scene d’amore del teatro e “Udine dei sogni” un percorso a tappe per scoprire “Le notti bianche” di Dostoevskij, interpretate nel centro storico. Sempre molto attesi gli eventi in Castello con “Il Magico Castello del Natale” un nuovo evento di teatro itinerante invernale all’interno del Castello, che per l’occasione si trasformerà nella casa di Babbo Natale e di tutti i suo magici personaggi natalizi; seguirà la seconda edizione di “Delitto in Castello” uno spettacolo interattivo, una caccia al tesoro nel Castello, un delitto da risolvere… Il pubblico sarà diviso in squadre che dovranno scoprire il colpevole, guidate dal Commissario Matranga.

Il Teatro della Corte di Osoppo invece, ospiterà un ricco calendario di eventi che segna un’importante crescita culturale di qualità, grazie all’inserimento nel cartellone di grandi nomi del panorama teatrale e non solo. La stagione è suddivisa nelle due rassegne: “I Grandi Ospiti” e “Tesori del territorio”. La Rassegna “I Grandi Ospiti” è organizzata grazie al contributo regionale e si compone di titoli e compagnie di alta qualità professionale del panorama nazionale. Nella Rassegna dei “Tesori del territorio” invece, ci sono produzioni provenienti dalla nostra regione che sempre ci offre spettacoli di grande rilievo. Un calendario di 15 appuntamenti con grandi nomi del panorama teatrale italiano come Eugenio Allegri, Cinzia Leone, Alessandro Fullin, Laura Curino e molti altri artisti che daranno vita a spettacoli imperdibili con Mauro Corona, Toni Capuozzo, Gigi Maieron e i Trigeminus. Una grande anteprima nazionale di danza con l’attesissima compagnia Experimenta di Torino diretta Walter Cinquinella che proporrà una trasgressiva CARMEN in teatro danza e un omaggio ai 90 anni del Maestro Dario Fo con il capolavoro MISTERO BUFFO interpretato dal suo allievo prediletto Mario Pirovano. Non mancheranno naturalmente gli appuntamenti con il teatro in lingua friulana ed anche a Osoppo il tradizionale Capodanno a Teatro, quest’anno con i Trigeminus.

Le due stagioni testimoniano il radicamento sul territorio della compagnia che collabora attivamente con molte realtà regionali, produce spettacoli anche in lingua friulana, ha intensificato l’attività nelle scuole e sta creando reti di scambio e dialogo con strutture teatrali. Proseguono anche le ormai famose cene con delitto e con tesoro, e la seguitissima rassegna di teatro ragazzi domenicale con le originali favole a merenda che divertono adulti e bambini.

Moltissime sono le proposte di Eureka 6, che partono con la grande prosa: la nuova produzione di AnaThema “ONCE UPON A TIME” che debutterà in anteprima nazionale al Teatro della Corte con la regia di Luca Ferri, i costumi di Emmanuela Cossar, le musiche dal vivo delle Crunchy Candies e gli attori della compagnia. Personaggi di fantasia si mescoleranno alla vita reale, dando origine ad un tessuto spettacolare di grande impatto. Lo spettacolo si presenterà come l’inizio della storia ancestrale. La favola primordiale dalla quale tutte le altre sono nate e che ogni sera possono crescere in maniera diversa. Il pubblico diventerà parte della storia, interagendo con gli attori per creare tutto quello che sarà scritto dopo quel C’era una volta…

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!