Una foresta di suoni e colori ha aperto la stagione del Cta

28 Dicembre 2015

26GORIZIA. Grande pubblico e un’accoglienza originalissima al Kulturni Center Bratuz di Gorizia per la nuova Stagione teatrale del CTA – Centro di Teatro d’Animazione, al via con la 17^ edizione di “Pomeriggi d’inverno” in programma fino al 5 marzo 2016. Una foresta di alberi coloratissimi trapunta di “Tunnel books”, evocazioni delle pagine dei libri per ragazzi con creature fantastiche, ha accolto gli spettatori della prima con un percorso di suggestioni di fiaba dall’ingresso del teatro al foyer, dai corridoi al piano superiore del teatro dove sono stati disposti i lavori realizzati con i laboratori dello scorso anno scolastico. Giovani e giovanissimi, insieme ai loro genitori, si sono addentrati alla scoperta dei lavori di Tunnel books, il laboratorio condotto dall’artista inglese Chris Gilmour nelle scuole dell’Infanzia di Gorizia San Lorenzo, Moraro, Monfalcone, Cormons, Capriva, Mossa, Farra e Gradisca d’Isonzo; e hanno passeggiato nel bosco magico prodotto grazie al laboratorio artistico di Suomi Vinzi per le Scuole Scuole Primarie di Gorizia e provincia.

41La mostra, allestita per sole 12 ore, a grande richiesta diventerà evento 2016 con le prossime iniziative del CTA e in particolare con l’attesa nuova edizione di “Figure in festa” a Gorizia, chiamata a suggellare spettacoli e laboratori per le scuole nella prossima primavera. Intanto si è inaugurata nel segno di una fiaba d’autore, quella di Hans Christian Andersen, la Stagione regionale del teatro di Figura “Pomeriggi d’inverno” a Gorizia, diretta da Roberto Piaggio e Antonella Caruzzi. “I brutti anatroccoli”, la produzione di Unoteatro/Stilema di e con Silvano Antonelli, è uno spettacolo ispirato a un “classico” che parla di un tema universale, la costruzione della propria identità e la capacità di accettare le differenze e le unicità di cui ognuno è portatore.

47Pomeriggi d’inverno nel 2016 permetterà di ritrovare i classici dell’infanzia, dal “Robinson Crusoe” di Defoe all’intramontabile “Zorro”, giustiziere mascherato, passando attraverso le scorribande di un bizzarro ladro di bestiame portate in scena da Gek Tessaro, le “Storie del buon Dio” narrate da Rilke, a un evergreen della fiaba per bambini, “La bella addormentata”, ripercorsa in un elegante gioco di linguaggi scenici. Sabato 16 gennaio, appuntamento con la prima nazionale di quello che si preannuncia come un vivacissimo evento scenico: “Z le avventure di Zorro” è la pièce portata in scena a due voci e quattro mani da Eudald Ferré e Luca Ronga, ispirato al film muto degli anni Venti “The Mark of Zorro” di Fred Niblo. Info www.ctagorizia.it

Promossa come sempre dal CTA – Centro di Teatro d’Animazione e Figure, la Stagione dei “Pomeriggi d’inverno” è realizzata in collaborazione con la Regione Fvg e il Ministero dei Beni Culturali, e inoltre con il Comune di Gorizia, la Fondazione Carigo e il Credito Cooperativo Cassa Rurale e Artigiana di Lucinico, Farra e Capriva.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!