Un sabato ricco d’occasioni Natale in città prende quota

5 Dicembre 2014

PORDENONE. Giornata ricca di appuntamenti quella di sabato 6 dicembre del Natale in Città del Comune di Pordenone, con eventi dedicati in particolare ai bambini, passando per l’arte, per finire con allegre e spensierate risate. Con il 6 dicembre prende avvio il nuovo baby care musicale a cura di Sviluppo e Territorio e Associazione Cem: La tana delle note, nei nuovi spazio del Cem in Vicolo Chiuso (laterale di Corso Vittorio Emanuele II). Un servizio, completamente gratuito, pensato per favorire le famiglie che scelgono il centro per acquistare i regali natalizi. I bambini (dai 3 agli 11 anni) potranno giocare con la musica in questo nuovissimo spazio, sorvegliati da animatrici professioniste affiancate da maestri di musica. In particolare la mattina del 6 dicembre dalle 10.30 alle 12, il tema sarà I tamburi della giungla, per giocare con i ritmi, accompagnare una canzone famosa e imparare divertendosi (adatto a bambini dai 6 ai 11 anni. Il pomeriggio (15- 19) sarà invece dedicato ai più piccoli (3 – 6 anni con giochi, musica e laboratori.

In piazza XX Settembre il mercatino sarà aperto dalle 10.30 con chiusura alle 20 per le casette di oggettistica, alle 24 per le casette enogastronomiche. L’animazione comincerà alle 15.30, presente Babbo Natale in persona accompagnato da un curioso folletto e si concluderà alle 19 con il dj set. Ma ci sarà musica anche al Caffè Nuovo alle 16 con il concerto dei Souled Out e la classe di canto moderno a cura della Scuola di Musica Città di Pordenone.

HanselAppuntamento per i bimbi alle 17 in Biblioteca, saletta Degan, con lo spettacolo di Ortoteatro Hänsel e Gretel fratelli di cuore con Federica Guerra e la regia di Fabio Scaramucci, che ne ha fatto una rivisitazione moderna. Al centro della fiaba ci sono i sentimenti: paura, gioia, malinconia e rabbia di un momento. L’allestimento è arricchito dagli splendidi pupazzi in gommapiuma realizzati da Ada Mirabassi, mentre la Casa/Baracca ideata da Paolo Pezzutti diventa rifugio e dolce attrattiva. Preziose le musiche originali composte con rara sensibilità da Fabio Mazza, che rendono lo spettacolo godibile da ogni tipo di pubblico. Federica Guerra, sola in scena, come nella tradizione dei vecchi burattinai e contastorie, dà vita a tutti i personaggi di questa bella storia: una storia per ridere, avere paura, crescere. Una storia che fa battere il cuore. Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.

presepi dei bambini foto Angelo SimonellaSempre alle 17 in piazzetta Freschi si inaugura per il Natale in Città, con collaborazione di Crai Carlet e Pro Loco Pordenone, Presepi in città, l’esposizione dei presepi realizzati con i materiali più diversi dalle scuole cittadine. Le 11 classi coinvolte si sono ispirate alla frase del Vangelo “lo deposero in una mangiatoia perché non c’era posto per loro nell’albergo” per immaginare “Se nascesse oggi a Pordenone?”, richiamando l’attualità della Natività per una riflessione sul presente. I presepi verranno esposti in collaborazione con Crai Carlet e Pro Loco dal 6 all’8 dicembre in piazzetta Freschi, animata per l’occasione anche da truccabimbi e cantastorie 8 domenica e lunedì dalle 15) e dal laboratorio creativo di Julia Artico (8 dicembre dalle 11), che proporrà proprio la realizzazione di presepi, con materiali naturali o di riciclo.

AMANDAGiordanoFloreancigSul fronte dell’arte, se alla Galleria d’arte moderna e contemporanea Armando Pizzinato alle 17 ci sarà il percorso assistito gratuito alle mostre Virgilio Guidi. Il destino della figura – Luigi Vettori. Un’eredità spezzata, alle 18.30 nel Convento di San Francesco si inaugura Guardatemi in faccia, mostra personale di Giordano Floreancig. Verranno esposti oltre 300 ritratti a olio su tela che custodiscono un messaggio preciso: la normalità non esiste. Ogni personaggio sgomita per farsi notare, appare e grida. Volti liberi e soli, qui accostati su alte pareti come in un’antica quadreria in modo che il visitatore possa guardare in faccia un altro lato della realtà, quella pazzia che è in tutti noi e che ci rende unici e diversi dagli altri. Ogni tela è accompagnata da un nome proprio a definire un’identità in mezzo a una folla di forme e colori: busti e mezzi busti di aspetto quasi sfrontatamente espressionista – perché, secondo l’artista, è soprattutto il volto che ci contraddistingue e parla di noi -, ritratti di una cromia assoluta realizzati senza tavolozza e cavalletto, dal tubetto alla tela. Floreancig non fa mistero della propria predilezione per il mondo della follia intesa come trasgressione dalle regole della ragione. Così la rappresentazione dei folli, nella deformazione dei visi dalle bocche spalancate, e la volontà di esasperare il segno con pennellate violente di un colore carico, lo portano ad andare oltre la semplice riproduzione di un soggetto e a vagare nella realtà interiore di un’umanità sofferente, proponendo una realtà nuova che gli corrisponde. Opere che permettono al suo autore di liberare una forte carica emotiva e tirare fuori l’altra faccia della normalità. Le tele diventano quasi soggetti animati e parlanti che prendono vita in una realtà diversa, dove ogni pensiero ed emozione diventa poesia. I ritratti, resi deformi, gridano sulle ingiustizie del mondo e sulle tragedie dell’esistenza. La mostra rimarrà aperta fino all’11 gennaio 2015.

Pintus2La giornata del 6 dicembre del Natale in Città si concluderà alle 21 al Palazzetto del sport con la leggera spensieratezza di uno spettacolo comico: le “50 Sfumature di… Pintus”, spettacolo fra i più visti dell’anno, immancabilmente sold out, (biglietti online su Ticketone.it e nei punti autorizzati Ticketone e Azalea Promotion). Pintus, classe 1975, triestino di nascita e sardo d’adozione, è il comico più rappresentativo del programma televisivo “Colorado”, show campione di ascolti anche nelle scorsa edizione. Dopo il trionfo catodico, ora l’artista si presenta con questo nuovo spettacolo, nel quale esprime tutto il suo talento di grande intrattenitore, sia comico che musicale. In questo show la comicità è dappertutto, nei politici che litigano, nelle parodie di alcuni programmi televisivi e nelle pubblicità. Oltre al suo talento comico, Pintus si distingue come grande imitatore, che non perdona niente a personaggi come Valentino Rossi, Berlusconi, Mourinho, Belen, Balotelli, Ibrahimovic, Antonio Banderas e molti altri. Sul palco Pintus propone tutti i personaggi che lo hanno reso celebre, ma soprattutto improvvisa, gioca con il pubblico e si ricollega all’attualità, rendendo unica ogni serata. Uno spettacolo adatto a tutti che diverte bambini, giovani e meno giovani, grazie alla freschezza e alla semplicità che l’artista dimostra, emozionandosi e divertendosi assieme al suo pubblico.

La sua esperienza di intrattenitore inizia con il lavoro di animatore nei villaggi turistici che continua fino al 2000, quando fonda il duo Angelo & Max con il comico Max Vitale. Nel 2001 la coppia è spesso ospite al “Maurizio Costanzo Show” e in altre trasmissioni televisive di successo. Il duo si aggiudica qualche anno dopo, nel 2007, l’importante concorso “Dal Lago di Garda – Stasera mi Butto”, gara di comicità trasmessa in diretta su Rai 1. Archiviata l’esperienza di Angelo & Max, Pintus incrementa le sue apparizioni in programmi televisivi come ad esempio “Guida al Campionato”. Dal 2009 è presenza fissa nel cast di “Colorado” in onda su Italia 1, programma comico fra i più seguiti dal pubblico, che lo elegge suo beniamino. Con lo spettacolo dei record “50 Sfumature di… Pintus” arriva anche la sua prima esperienza da one-man show.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!