Tutto esaurito per la “Santa Cecilia”

29 Ottobre 2011

La più antica istituzione musicale italiana terrà ufficialmente a battesimo, sabato 29 ottobre alle 20.45, la Stagione che porta la firma del direttore artistico Marco Feruglio: al “Giovanni da Udine” arriverà, per la prima volta, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e verrà accolta da un perentorio tutto esaurito. La serata, del resto, è un autentico super-evento all stars: anche sul podio e al pianoforte, infatti, brilleranno due stelle d’inestimabile caratura. I loro nomi? Non hanno certo bisogno di presentazioni: stiamo parlando di Antonio Pappano e di Hélène Grimaud.

Reduce dal trionfo romano che ha accompagnato l’apertura della stagione sinfonica di Santa Cecilia, l’Orchestra – inserita, ricordiamo, dal prestigioso mensile Classic FM fra le migliori 10 formazioni del mondo – si confronterà con due tra le pagine più amate e applaudite dagli appassionati: il Concerto n. 1 in re minore op. 15 per pianoforte e orchestra di Johannes Brahms e la Sinfonia n. 6 in si minore op. 74 “Patetica” di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Fondata nel 1908, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è stata la prima in Italia a dedicarsi esclusivamente al repertorio sinfonico ed è stata diretta da tutte le più importanti figure musicali del XX secolo: da Mahler a Strauss, da Stravinskij a Toscanini, fino ad Abbado e Muti. Dal 1983 al 1990 Leonard Bernstein ne è stato il Presidente Onorario, dal 2005 Antonio Pappano ne è il Direttore musicale. La registrazione della Madama Butterfly (con il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia) diretta da Pappano e pubblicata dalla Emi Classics nel marzo del 2009 ha vinto il prestigioso Gramophone Award.

Hélène Grimaud, nome di punta dell’attuale panorama artistico, si esibisce regolarmente con le maggiori orchestre d’Europa e del Nord America. Nel 2010 è stata artiste étoile al Festival di Lucerna. Nel 2002 ha firmato un contratto esclusivo con la Deutsche Grammophon ed è stata insignita del titolo “Officier dans l’ordre des Arts et des Lettres” dal Ministro della Cultura francese. La Grimaud è anche autrice di due libri, Variations Sauvages e Leçons Particulières, pubblicati anche in Italia. La sua passione per i lupi ha spinto nel 1999 la pianista francese a fondare il Wolf Conservation Center. Più recentemente ha dato il proprio nome e sostegno a molte altre associazioni, tra cui Amnesty International, International Children’s Camp Villa Sans Souci e il World Wide Fund for Nature.

Nato a Londra nel 1959 da genitori italiani, Antonio Pappano studia pianoforte, composizione e direzione d’orchestra negli Stati Uniti. Fra le tappe più prestigiose della sua carriera sono da ricordare i debutti alla Staatsoper di Vienna nel 1993, al Metropolitan di New York nel 1997 e al Festival di Bayreuth nel 1999. Pappano ha diretto molte tra le maggiori orchestre del mondo, tra cui New La più antica istituzione musicale italiana terrà ufficialmente a battesimo, sabato 29 ottobre alle 20.45, la Stagione che porta la firma del direttore artistico Marco Feruglio: al “Giovanni da Udine” arriverà, per la prima volta, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e verrà accolta da un perentorio tutto esaurito. La serata, del resto, è un autentico super-evento all stars: anche sul podio e al pianoforte, infatti, brilleranno due stelle d’inestimabile caratura. I loro nomi? Non hanno certo bisogno di presentazioni: stiamo parlando di Antonio Pappano e di Hélène Grimaud.
Reduce dal trionfo romano che ha accompagnato l’apertura della stagione sinfonica di Santa Cecilia, l’Orchestra – inserita, ricordiamo, dal prestigioso mensile Classic FM fra le migliori 10 formazioni del mondo – si confronterà con due tra le pagine più amate e applaudite dagli appassionati: il Concerto n. 1 in re minore op. 15 per pianoforte e orchestra di Johannes Brahms e la Sinfonia n. 6 in si minore op. 74 “Patetica” di Pëtr Il’ič Čajkovskij.
Fondata nel 1908, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è stata la prima in Italia a dedicarsi esclusivamente al repertorio sinfonico ed è stata diretta da tutte le più importanti figure musicali del XX secolo: da Mahler a Strauss, da Stravinskij a Toscanini, fino ad Abbado e Muti. Dal 1983 al 1990 Leonard Bernstein ne è stato il Presidente Onorario, dal 2005 Antonio Pappano ne è il Direttore musicale. La registrazione della Madama Butterfly (con il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia) diretta da Pappano e pubblicata dalla Emi Classics nel marzo del 2009 ha vinto il prestigioso Gramophone Award.
Hélène Grimaud, nome di punta dell’attuale panorama artistico, si esibisce regolarmente con le maggiori orchestre d’Europa e del Nord America. Nel 2010 è stata artiste étoile al Festival di Lucerna. Nel 2002 ha firmato un contratto esclusivo con la Deutsche Grammophon ed è stata insignita del titolo “Officier dans l’ordre des Arts et des Lettres” dal Ministro della Cultura francese. La Grimaud è anche autrice di due libri, Variations Sauvages e Leçons Particulières, pubblicati anche in Italia. La sua passione per i lupi ha spinto nel 1999 la pianista francese a fondare il Wolf Conservation Center. Più recentemente ha dato il proprio nome e sostegno a molte altre associazioni, tra cui Amnesty International, International Children’s Camp Villa Sans Souci e il World Wide Fund for Nature.
Nato a Londra nel 1959 da genitori italiani, Antonio Pappano studia pianoforte, composizione e direzione d’orchestra negli Stati Uniti. Fra le tappe più prestigiose della sua carriera sono da ricordare i debutti alla Staatsoper di Vienna nel 1993, al Metropolitan di New York nel 1997 e al Festival di Bayreuth nel 1999. Pappano ha diretto molte tra le maggiori orchestre del mondo, tra cui New York Philharmonic, Berliner Philharmoniker, Concertgebouw di Amsterdam, London Symphony ed è dal 1997 Direttore Ospite Principale della Israel Philharmonic Orchestra. “Direttore dell’anno 2005” per la Royal Philharmonic Society, è stato inoltre insignito del Premio “Abbiati” 2005 della Critica. Nel 2008 è stato insignito dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.York Philharmonic, Berliner Philharmoniker, Concertgebouw di Amsterdam, London Symphony ed è dal 1997 Direttore Ospite Principale della Israel Philharmonic Orchestra. “Direttore dell’anno 2005” per la Royal Philharmonic Society, è stato inoltre insignito del Premio “Abbiati” 2005 della Critica. Nel 2008 è stato insignito dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!