Torna a Cividale (Diacono) la simulazione dei dibattiti Onu

9 Novembre 2015

CIVIDALE. Cfmunesco, la simulazione dei dibattiti delle Nazioni Unite (Mun), ritornerà a Cividale dal 26 al 28 novembre, coinvolgendo 250 studenti delle scuole superiori che giungeranno da tutto il mondo, per confrontarsi in inglese su problematiche socio politiche mondiali di attualità, imperniate sul tema generale “To pretect and preserve”. Perfettamente in linea con la vocazione internazionale del Convitto Nazionale “Paolo Diacono” (CNPD) a cui fa capo, il progetto è nato nel 2014 su iniziativa di un comitato spontaneo di studenti delle scuole superiori annesse all’Istituzione cividalese, con pluriennale esperienza di conferenze Mun all’estero.

L’obiettivo del Mun, unica simulazione Unesco in Europa, è quello di soddisfare i bisogni formativi degli studenti delle scuole superiori a cui è rivolto. Esso rispecchia il format di una conferenza di 3 giorni organizzata e coordinata in toto dagli studenti. A ogni studente viene richiesto di indossare i panni di un delegato impegnato nelle sedute di commissione delle Nazioni Unite nel rappresentare le posizioni di un Paese. Il che equivale a scrivere e presentare proposte, confrontarsi con gli altri delegati attraverso il dibattito e il voto per avanzare soluzioni plausibili ai problemi mondiali. I confronti avvengono in inglese e si svolgono secondo le procedure formali utilizzate durante le sessioni dell’Onu.

Alla Conferenza è prevista la partecipazione di circa 250 studenti di istituti superiori, di cui circa 100 provenienti da scuole estere. Tutte le attività verranno tenute nel territorio di Cividale, prevalentemente nei locali del Convitto e con il coinvolgimento delle istituzioni e organizzazioni del territorio, e saranno collegate al recente riconoscimento di Cividale come Patrimonio Mondiale dell’Umanità da parte dell’Unesco e dello stesso Convitto come parte della rete di scuole Unesco. Pertanto, il Cfmunesco, che pur si contraddistingue per la sua valenza assolutamente innovativa (in Italia si svolgono solamente altre 3 conferenze Mun, a Genova, Milano e Roma) e per il suo carattere di originalità (è uno dei pochi Mun al mondo a simulare il comitato Unesco), diventa anche occasione per rafforzare il comparto turistico, avvicinando al territorio, alla sua storia e alle tradizioni locali i numerosi studenti e docenti che, per l’occasione, alloggeranno a Cividale.

Come ha osservato la nuova Dirigente Scolastica del Convitto Nazionale Paolo Diacono, dott.ssa Patrizia Pavatti: “Il Convitto investe nella promozione educativa e culturale dei giovani attraverso progetti internazionali che valgono. Per questo siamo felici di riproporre un’iniziativa dall’alto contenuto formativo in cui crediamo molto, poiché offre a studenti di diversa provenienza e cultura una preziosa occasione di confronto, in cui mettersi seriamente in gioco, affinando le proprie capacità organizzative e di public speaking, ed acquisendo nozioni importanti relative ai grandi temi della politica internazionale”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!