Socialità tra gli anziani: il progetto CRT si è ampliato

28 Febbraio 2015

TRIESTE. E’ stata presentata nella sede della Fondazione CRTrieste la settima edizione del Progetto di socializzazione per anziani promosso e realizzato dalla Fondazione stessa. Nelle sei edizioni passate i risultati sono stati brillanti e lo hanno dimostrato l’entusiasmo e la partecipazione degli ospiti delle case di riposo coinvolte, cui sono stati proposti musica e intrattenimento e che hanno ricevuto il quotidiano locale Il Piccolo.

Tra le linee che guidano l’azione della CRTrieste, il sostegno alla popolazione anziana costituisce un indirizzo prioritario. Per questo motivo l’Ente ha predisposto questo progetto, la cui prima edizione si è svolta tra il 2008 e il 2009. Gli importanti risultati e l’alto gradimento rilevati dalla prima edizione a oggi hanno spinto la Fondazione a riproporre di anno in anno l’iniziativa ampliandone il pubblico e l’offerta.

DSC_2958La settima edizione, che ha preso avvio da qualche giorno, proseguirà fino a gennaio 2016. Musica, intrattenimento e informazione sono al centro del progetto, anche per questo settimo anno. Confermati i numeri della precedente edizione con 2.550 anziani coinvolti, 34 le strutture che hanno aderito – individuate tra quelle che per dimensioni e tipologia degli ospiti sono in grado di accogliere il programma -, 250 gli spettacoli teatrali e musicali proposti e oltre 134 mila le copie del quotidiano Il Piccolo che verranno distribuite a tutte le strutture che ospitano anziani.

Sempre solide le partnership con “L’Armonia – Associazione tra le Compagnie teatrali triestine”, che si occupa dell’organizzazione degli spettacoli teatrali, con il Conservatorio di musica Giuseppe Tartini e con la Glasbena Matica di Trieste, i cui giovani musicisti si esibiranno nei concerti dedicati agli ospiti delle case di riposo.

Le strutture identificate quest’anno sono Casa Serena, Casa Bartoli, Casa Gregoretti, Asp ITIS, Casa Ieralla, Casa San Domenico, Casa di Riposo F.lli Stuparich, Casa di Riposo di Muggia, Casa Capon, Casa Emmaus, Casa di Riposo Mater Dei, Casa di Riposo Luciana Moschion, Casa di Riposo La Meridiana, Pia Casa Gentilomo “A. Stock”, Residenza Carducci, Residenza Polifunzionale Oasis, La Primula 2, Casa Anna 1, le tre sedi della Casa di Riposo La tua casa, Casa di Riposo Fiori del Carso, Residenza Polifunzionale Raggio di Sole, Casa albergo Domus Mariae, Casa albergo Maria Basiliadis, Nuova Villa Iris, Villa Verde, Residenza Polifunzionale Miramare, Casa di riposo Mademar, Casa di riposo Ad Maiores, Residenza polifunzionale Venti Settembre, Residenza polifunzionale Anni Sereni, La Perla, Casa di Riposo La Fenice.

Anche quest’anno è la musica a fare da filo conduttore delle diverse proposte elaborate, la musica che tocca le corde dei ricordi, che rallegra, che diverte e intrattiene. Il calendario di questa edizione propone, infatti, ogni mese spettacoli teatrali creati ad hoc per il progetto e che richiamano alla memoria del passato con l’allegria delle canzoni popolari, dialettali e della musica leggera, concerti di musica classica, tenuti da giovani e giovanissimi musicisti del Tartini e della Glasbena Matica.

“Se guardiamo a tutte le edizioni, i numeri parlano da soli – fa un bilancio Paolo Santangelo, Segretario Generale della Fondazione CRTrieste: oltre 12.000 anziani hanno beneficiato del programma di intrattenimento, 1.250 gli spettacoli organizzati e 500.000 copie de Il Piccolo distribuite. Gli anziani hanno sempre partecipato con grande interesse ed entusiasmo agli spettacoli teatrali, soprattutto quelli in cui erano presenti canzoni dialettali del passato. Notevole apprezzamento hanno riscosso anche i concerti degli allievi del Conservatorio Tartini e della Glasbena Matica di Trieste, che per il tipo di musica e la durata media dell’esibizione, un’ora, hanno tenuto viva l’attenzione degli anziani. Pertanto per questa settima edizione abbiamo voluto mantenere la stessa formula mantenendo alto, a fronte dei brillanti risultati, il numero di anziani che verranno coinvolti”.

Hanno presentato l’iniziativa: Paolo Santangelo, Segretario Generale della Fondazione CRTrieste; Giuliano Zannier, Presidente de L’Armonia e Bogdan Kralj, Direttore della Glasbena Matica di Trieste. Affidato ad una nota, l’intervento del Conservatorio di musica Giuseppe Tartini. Presenti alla conferenza stampa anche alcuni ospiti delle case di riposo.

Condividi questo articolo!