ShorTs gran finale

5 Luglio 2014

TRIESTE. Sabato 5 luglio, nell’ambito dell’International ShorTS Film Festival a Trieste , con inizio alle 11.30 al Punto Enel in Galleria Tergesteo, si terrà la tavola rotonda “La distribuzione: grande assente per i corti” con le maggiori case di distribuzione di cortometraggi in Italia. Parteciperanno infatti: Monique Catalino (Istituto Luce), Jacopo Chessa (CNC), Paolo Manera (Film Commission Torino Piemonte), Simona Pedroli (Studio Universal), Paola Ruggeri (Mediaset), Cinzia Spironello (Other Voices) e Paolo Vidali (Fondo per l’audiovisivo FVG).

Dopo l’incontro con registi e giurati, le premiazioni si terranno in Piazza Verdi alle 20 in occasione del Gran Galà finale. Per la sezione “Maremetraggio” verrà assegnato il premio Punto Enel di 10.000 Euro, dalla Giuria Internazionale composta dal regista Benjamin Freidenberg, il casting manager Nicolas Ronchi, il fotografo Dirk Vogel e Monique Catalino, che si occupa di relazioni cinematografiche internazionali, e Cinzia Spironello, responsabile distribuzione cortometraggi. In questa occasione speciale, la TV del cinema da chi fa cinema, è in prima linea con l’assegnazione del Premio “Studio Universal” che consiste nell’acquisizione dei diritti Pay per la trasmissione televisiva al Miglior Corto Italiano selezionato da una giuria interna al Canale. Il corto vincitore andrà in onda lunedì 28 luglio alle 20:40 all’interno del programma “A noi piace Corto” – magazine di informazione sul mondo dei cortometraggi – nell’ambito di una puntata interamente dedicata a celebrare la XV° edizione del Festival. E poi il premio al miglior corto d’animazione, il premio al miglior montaggio italiano assegnato dall’AMC (Associazione Montatori Cinematografici), il Premio Enel Green Solution, il Premio Piquadro attribuito dal pubblico e il Premio “Oltre il muro” al miglior corto italiano che verrà assegnato alle 11 nella Casa Circondariale di Trieste.

Inoltre Rai Cinema Channel premia il miglior cortometraggio italiano, offrendo un nuovo premio per i cortometraggi italiani in gara nella sezione Maremetraggio dell‘International ShorTS Film Festival, che consiste in un contratto di acquisto dei diritti del corto per un valore di  1000 euro. Sabato 5 luglio alle 20 la premiazione a sorpresa in Galleria Tergesteo al Punto Enel di Trieste.

Per la sezione “Nuove Impronte” le dieci opere prime italiane, scelte tra le più “invisibili”, in gara saranno giudicate dal pubblico per il premio votato dal pubblico, dalla critica composta da Massimo Lastrucci (Ciak), Maria Pia Fusco (La Repubblica) e Fabio Ferzetti (Il Messaggero) e da una giuria davvero d’eccezione composta dall’attrice Carolina Crescentini, dal regista e sceneggiatore Gianluca Tavarelli e dalla produttrice della Bianca Film Donatella Botti. Sarà assegnato inoltre anche il Premio al miglior attore e alla migliore attrice.

Verrà annunciato alle 13 al punto Enel anche il progetto vincitore per l’ideazione dello spot in collaborazione con la Bavisela. Nello specifico la manifestazione insieme all’associazione 42K e a Maremetraggio hanno ideato un’iniziativa che darà vita a uno spot video contro la violenza sulle donne finanziato da una sostanziosa parte del ricavato dalle iscrizioni della Trieste Women Run svoltasi l’8 giugno scorso. Vincitrice è Titta Rosetta Raccagni, nota regista del gruppo Le ragazze del porno, con un’idea del tutto anticonvenzionale sull’immagine della donna che per cambiare non sarà vista come solo “vittima”, come viene normalmente trattato il tema della violenza di genere, ma rovescia la prospettiva per ripartire dall’idea delle donne come soggetti forti e sottomesse per scelta, autodeterminate e desideranti. «Il format della Trieste Women Run ideato da 42K – spiega Isa Amadi titolare  di 42K e ideatrice della Trieste Women Run – e realizzato in collaborazione con Bavisela è qualcosa di unico in Italia perché, ad una doppia corsa tutta al femminile, abbina un preciso e costante impegno a sostegno delle donne maltrattate. Quest’anno, grazie alla collaborazione con Maremetraggio, riusciamo a realizzare un progetto di comunicazione innovativo che certamente lascerà il segno, auspicando di riuscire a fare breccia soprattutto nei giovani che ancora possono e devono costruire per se stessi una cultura positiva dell’accoglienza, del rispetto e della condivisione».

Ma la festa non finisce qui, dopo il Gran Galà Finale alle 22.30 tutti sono invitati al “Jaguar Bad Party” allo stabilimento balneare Ausonia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!