Sfida alla lobby: a Trieste anteprima di smoKings

21 Marzo 2015

TRIESTE. A seguito del grande successo di pubblico delle prime proiezioni a Roma e Torino, smoKings, il film del regista torinese Michele Fornasero che ripercorre le vicende dei fratelli Messina e della loro fabbrica di sigarette Yesmoke, sarà in anteprima al Cinema Ariston di Trieste, lunedì 23 marzo alle 19 e alle 21; la proiezione sarà introdotta dal produttore e distributore Simone Catania.

Dall’inizio del loro business online nel 2000 fino a dicembre 2013, passando per la fondazione della fabbrica di sigarette a Settimo Torinese, il film racconta la storia dei fratelli Messina e la loro sfida alle lobby del tabacco, costellata di altalenanti vicende giudiziarie. Una sfida, tra l’altro, tuttora in divenire: il 27 novembre 2014, infatti, i fratelli Messina sono stati arrestati con l’accusa di contrabbando di tabacchi lavorati ed evasione fiscale per 90 milioni di euro. Quale sarà la verità? Si tratta dell’ennesimo tentativo di ostacolare il loro business o le prove saranno schiaccianti? Chi vincerà quest’ennesima battaglia?

I fratelli Messina nella fabbrica Yesmoke

I fratelli Messina nella fabbrica Yesmoke

smoKings, che ha già collezionato diversi premi, come il Miglior Film Italiano al 55° Festival dei Popoli di Firenze, ed è stato presentato a numerosi festival internazionali in Svizzera, in Spagna, in Grecia e in Finlandia, è stato anche invitato al Bari International Film Festival dove verrà presentato il 23 e il 24 marzo. Dal 19 marzo, il film è in programmazione in altre città in Italia. Tutte le informazioni sulle sale alla pagina Facebook di smoKings: facebook.com/smokings.film

smoKings (Italia/Svizzera, 2014, 96′) è un documentario di Michele Fornasero prodotto da Simone Catania. Una produzione Indyca in co-produzione con Ventura Film, in associazione con Majade Filmproduktions, realizzato con il sostegno di Media Development – Single Project e con il sostegno di Piemonte Doc Film Fund – Fondo Regionale per il Documentario. Distribuzione Indyca in collaborazione con I Wonder Pictures.

Il documentario ripercorre la storia dei fratelli Carlo e Giampaolo Messina, proprietari di Yesmoke, una piccola fabbrica di sigarette con sede a Settimo Torinese (Piemonte), dall’inizio del loro business online nel 2000 fino a dicembre 2013. Tutto ebbe inizio con il sito Yesmoke.com, creato dai fratelli Messina per la vendita di sigarette online con sede a Balerna in Svizzera e gestito da Mosca, dove risiedevano nel 1999. Attraverso tale sito ogni giorno decine di migliaia di persone acquistavano stecche di Marlboro, Camel e Lucky Strike a un prezzo stracciato. Ben presto i due fratelli arrivarono a fatturare 100 mln di dollari l’anno.

Quando ormai erano convinti di aver creato un sistema di business innovativo e legale, Philip Morris fece loro causa per concorrenza sleale, chiedendo un risarcimento di 550 milioni di dollari. I Messina inizialmente ignorarono il fatto e continuarono a soddisfare le richieste dei loro clienti, fino a quando, nel 2004, grazie all’appoggio del governo americano, Philip Morris riuscì a fermare il loro business. Una volta chiuso il sito, i due fratelli decisero di mettersi in proprio con l’obiettivo di “farla pagare” al gigante del tabacco. Nel 2007 fondarono in Italia Yesmoke, ma il loro modo di fare affari non piacque allo Stato Italiano e i due si ritrovarono nuovamente contro il sistema. Decisero così di “fare la guerra” anche allo Stato Italiano, citandolo in giudizio…

Il 27 novembre 2014 i fratelli Messina vengono arrestati con l’accusa di contrabbando di tabacchi lavorati ed evasione per 90 mln di Euro. L’operazione è stata condotta da Italia, Germania e OLAF (Ufficio per la Lotta Antifrode della Commissione Europea) su segnalazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Direzione Centrale Antifrode e Controlli. I fratelli Messina sono in attesa del processo.

In uno stile da gangster movie, il documentario ripercorre le vicende dei fratelli Messina attraverso la loro quotidianità, il loro sguardo sulle lobby del tabacco, le loro cause e loro modo di fare business avvalendosi delle testimonianze di numerose voci autorevoli, intervistate in oltre 4 anni di lavorazione, tra le quali: l’ex Presidente dell’UE Romano Prodi; il portavoce della sezione ATF (il Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives) del governo americano Jeff Cohen (Associate chief counsel at ATF); l’economista Fariborz Ghadar (Founding Director Center for Global Business Studies); l’ex Direttore delle Dogane Svizzere Fritz Weber e l’avvocato difensore della Yesmoke nel processo in USA 2001-2004 (Yesmoke era all’epoca denominata Otamedia) Howard J. Shire – studio legale Kenion & Kenion LLP di New York.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!