Rosa, regina di Nova Gorica

27 Aprile 2014

DSCN5162NOVA GORICA. Universalmente conosciuta in tutte le civiltà come simbolo d’amore e di bellezza, la rosa rivive per tutto il mese di maggio nella vicina città d’oltre confine la nona edizione del Festival delle rose, con una miriade di eventi organizzati dalla Hit Casino e dal Comune di Nova Gorica. Il nome della rosa è Bourbon, una varietà davvero unica (proveniente dalle Isole Reunion, ex Bourbon, nell’oceano Indiano) che si attesta tra le civiltà antiche e quelle moderne e appartiene alla specie di rose del 19° secolo, già quasi estinte nel resto del mondo.

DSCN5168E Nova Gorica è la cittadina delle rose per eccellenza, dove gli esemplari di questa specie preziosa hanno trovato il posto ideale nell’orto cittadino, che oggi ospita l’intera raccolta pubblica delle originali Rose Bourbon, seconda per grandezza in Europa dopo quella di Parigi. Il tutto nelle immediate vicinanze della tomba dei re Bourbon, nel giardino del monastero francescano di Castagnevizza. Un giardino incantato (su un colle sopra la città), avvolto dal classico profumo, che sarà visitato anche quest’anno da una miriade di appassionati delle rose, provenienti da varie parti d’Europa. Appassionati ai quali saranno dedicati molteplici eventi collaterali, quali mostre, concerti e proposte gastronomiche all’insegna del fiore simbolo dell’identità cittadina.

Numerose saranno anche le visite guidate al monastero di Castagnevizza (fino al 4 maggio) e ai magnifici roseti della città, l’11 maggio con il vicepresidente dell’associazione Amanti delle rose, Edi Prost. Ma anche l’ex tempore della pittrice accademica Jana Dolenc, la mostra fotografica dell’associazione Amanti delle rose della regione Goriska, nella hall dell’hotel Sabotin. Evento clou dell’edizione 2014 la “Serata tra le rose Bourbon”, martedì 13 maggio sempre al monastero con la proclamazione della rosa Bourbon dell’anno, del più bel roseto della città e delle più belle raccolte private di rose. A seguire il concerto del gruppo Slowind, che renderà magica l’atmosfera con le note di flauti, oboe, corni, fagotti e clarinetti.

DSCN5169Di contorno anche laboratori creativi come quello di Ana Kersevan con la realizzazione di rose di carta, come pure numerosi incontri e lezioni gratuite alla scoperta dei più inaspettati retroscena sul mondo delle rose. L’enogastronomia poi gioca un ruolo importante all’interno della kermesse, con una particolare degustazione di stuzzichini a base di rose in compagnia di Katja Kogej, la presidentessa dell’associazione che ha presentato l’evento al casinò Park assieme al sindaco Matej Arcon e alla pr della Hit Laura Persolja. Ma non è finita: con l’offerta enogastronomica degli hotel Sabotin e Lipa (dove si potrà pure sorseggiare bollicine e sciroppo di rose, come pure gustare il gelato alle rose) si potrà anche concedersi un relax in compagnia dell’eclettico fiore, con i massaggi rilassanti all’olio di rose.

Da noi, la più vicina collezione di rose si trova proprio in Friuli, nell’Abbazia di Rosazzo in comune di Manzano. Quest’anno si festeggia il 10° anniversario del Festival e gli eventi avranno luogo dal 6 all’11 maggio. Il programma è visibile su www.abbaziadirosazzo.it

Claudio Soranzo

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!