Resurequie porta in teatro superstizione e tradizione

18 Marzo 2015

UDINE. Venerdì 20 marzo alle 20.45, all’auditorium Zanon di Udine, si alzerà il sipario sul terzo appuntamento della nuova stagione Udinese di Anà-Thema Teatro e sul palcoscenico andrà in scena “Resurequie” di Carlo Tolazzi, interpretato da Norina Benedetti della Compagnia Teatro Estragone.

resurequie1Si tratta di una storia vera che fa scoprire una tradizione friulana nata dal bisogno struggente di trovare una soluzione al grande e devastante dolore che è il distacco da chi si ama. Quando agli inizi del Novecento ristrutturarono la chiesetta di Trava (vicino a Tolmezzo), dedicata alla Madonna del Carmelo, rinvennero nel praticello circostante le tracce di più di un migliaio di resti di neonati. Dalla documentazione trovata negli archivi si è scoperto che in questa chiesetta venivano eseguiti dei rituali, tra il religioso e il profano, per far ritornare in vita i neonati prematuramente scomparsi al fine di poter far ricevere loro il Battesimo e avere accesso al Paradiso.

Resurequie attraverso la carnica Emilia, ci racconta un mondo fatto di credenze forti, profonde e totalizzanti, di obblighi accettati, ma non subiti. Emilia appartiene alla sua terra, alle sue usanze, all’ignoranza e alla semplicità del sentire le proprie emozioni. Ciò che la fa agire è la passione declinata in tutte le sue varianti: verso le tradizioni, verso il compito che le è stato assegnato nella vita, verso gli altri che siano conosciuti o sconosciuti, amati o no. In scena una stanza evocata da oggetti che rappresentano altro da sé, che contengono segreti svelati a poco a poco in un continuo gioco di costruzione e decostruzione dello spazio scenico sotto gli occhi dello spettatore. Ma mano che la storia si dipana si scoprono inganni, truffe e speculazioni giocate sull’ignoranza e la buona fede della povera gente.

E’ una storia che tocca corde profonde del sentire umano, vi si trovano mescolate intuizioni, dolori, humour. Con questo testo il drammaturgo friulano Carlo Tolazzi ha vinto nel 2000 il Premio Candoni nuove drammaturgie.

Biglietti intero €10, ridotto € 8, è possibile prenotare i biglietti via mail su info@anathemateatro.com oppure telefonicamente al 04321740499 e ritirarli la sera stessa dello spettacolo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!