Raccontare Fabrizio De André con Le cattive strade

30 Novembre 2015

SAN DANIELE. Continua, per la terza stagione consecutiva, la tournee di Andrea Scanzi e Giulio Casale nei teatri italiani con Le Cattive Strade. Il giornalista e scrittore aretino e il cantante e attore trevigiano racconteranno la carriera di Fabrizio De André martedì 1 dicembre alle 20.45 all’Auditorium Alla Fratta di San Daniele per il secondo appuntamento con la stagione teatrale promossa da ERT e amministrazione comunale.

Le cattive strade 2Le Cattive Strade racconta la parabola artistica di De André – andando alla ricerca anche del Faber meno noto – senza il desiderio di canonizzare o santificare l’artista; al contrario, consegnando al pubblico con passione le continue rivoluzioni e le poderose intuizioni di un intellettuale inquieto, scomodo, irripetibile. Lo spettacolo vive anche di una particolare multimedialità che comprende la proiezione di filmati originali di Fabrizio De André, estratti audio, foto rare, e nuovi arrangiamenti dal vivo in acustico realizzati da Giulio Casale: da Geordie a Brassens, dal Suonatore Jones alla Canzone del maggio, da Se ti tagliassero a pezzetti ad Anime salve.

Andrea Scanzi è un giornalista e scrittore eclettico. A lungo a La Stampa, è ora firma del Fatto Quotidiano. Ha pubblicato per Giunti e Mondadori, prima di approdare a Feltrinelli. Molto attivo sui social network, deve la sua popolarità anche alle numerose apparizioni in talk show dedicati alla politica. Giulio Casale è stato negli anni Novanta il frontman e fondatore del gruppo rock Estra, band recentemente riformatasi. Il talento vocale di Casale è sempre stato affiancato da una grande espressività sul palcoscenico che lo ha portato, nel corso degli anni, a una evoluzione verso il teatro-canzone tanto caro a Giorgio Gaber del quale ha messo in scena Polli d’allevamento, visto anche nel circuito ERT.

Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it; informazione e prenotazioni chiamando martedì la Biblioteca Guarneriana (0432 946567). Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it .

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!