Quel glorioso Technicolor…

5 Febbraio 2015
Gloria Swanson

Gloria Swanson

GEMONA. Il filo che lega le Giornate del Cinema Muto al 65° Festival di Berlino, in corso fino al 15 febbraio, è il centenario della nascita della Technicolor Motion Picture, a cui lo scorso ottobre – anticipando di qualche mese la ricorrenza – le Giornate avevano dedicato una retrospettiva sul periodo muto curata dalla George Eastman House di Rochester. Ora la stessa GEH, capitanata da Paolo Cherchi Usai, porta a Berlino la rassegna “Glorious Technicolor”, che si inaugura venerdì 6 febbraio, e un lussuoso volume, The Dawn of Technicolor, 1915-1935 di James Layton e David Pierce, edito dalla GEH con la partecipazione delle Giornate, che sarà presentato dai due autori domenica 8 febbraio. La presentazione sarà completata da proiezioni accompagnate dal vivo dal canadese Gabriel Thibaudeau, da molti anni nella rosa dei pianisti “pordenonesi”.

The Dawn of Technicolor – 450 pagine corredate da oltre 400 immagini – è la prima storia dettagliata e la prima filmografia completa degli anni fondanti della Compagnia, i più complessi e sperimentali, quelli delle grandi sfide tecniche ed economiche che precedono l’exploit degli anni Trenta, quando il nuovo sistema a tre colori diede alla Technicolor garanzia di incontrastato successo e regalò al cinema i colori più sgargianti della sua storia.

Un fotogramma di Ben Hur

Un fotogramma di Ben Hur

Alcune centinaia di copie del libro sono già arrivate a Gemona, alla Cineteca del Friuli, in attesa di essere portate a Pordenone in occasione della 34a edizione delle Giornate, in programma dal 3 al 10 ottobre. Sempre che, con l’aiuto delle istituzioni e degli sponsor che sostengono il festival (si sta organizzando in questi giorni un incontro fra tutti i soggetti interessati), vengano superate le incertezze legate al consistente calo di risorse previsto per il 2015.

Dopo l’omaggio berlinese (la rassegna include capolavori come Il mago di Oz del 1939 e Singin’ in the Rain del 1952), le celebrazioni del centenario Technicolor – realizzate sempre con la George Eastman House – continueranno a maggio all’Österreichisches Filmmuseum di Vienna e a giugno al Museum of Modern Art di New York. Intanto a Rochester è stata appena inaugurata una mostra che proseguirà fino al 26 aprile e le proiezioni continueranno fino a primavera inoltrata per culminare con “The Nitrate Picture Show”, dall’1 al 3 maggio, dove si mostreranno dei Technicolor originali in nitrato.

Condividi questo articolo!