Quando Cezanne scriveva…

31 Marzo 2015
Paul Cezanne - Autoritratto

Paul Cezanne – Autoritratto

PORDENONE. Prosegue in Galleria Pizzinato (dove sono in corso le mostre “Virgilio Guidi. Il destino della figura”, “Luigi Vettori. Un’eredità spezzata” e “Il Mantello di carta”) il ciclo di incontri a cura di Fulvio Dell’Agnese per scoprire il mondo degli artisti attraverso le loro parole, lasciate in diari, lettere, ma anche video. L’appuntamento è per il primo aprile alle 17.30 in Galleria Pizzinato con Le lettere di Cézanne e le lettere di Rilke su Cézanne. Sono numerose e ricche di spunti sulle problematiche dell’arte le lettere che il pittore francese scrisse a colleghi, mercanti d’arte e amici, tra cui spicca Émile Zola, suo compagno di studi, cui rimase a lungo legato.

Parallelamente interessante è la testimonianza di Rainer Maria Rilke, scrittore, poeta e drammaturgo austriaco, che nel 1907 a Parigi rimase folgorato dalla retrospettiva dedicata a Cezanne e ne scrisse ampiamente alla moglie. Dopo la sua morte per polmonite nel 1906 (era stato sorpreso da un violento temporale mentre dipingeva en plein air), al Salon d’Automne gli fu dedicata infatti una imponente retrospettiva commemorativa, che sconvolse un’intera generazione di nuovi artisti (tra cui Picasso e Modigliani), ponendo le basi del cubismo e aprendo le strade alle avanguardie artistiche del Novecento. Ingresso gratuito.

Condividi questo articolo!