Parte il bookcrossing

23 Giugno 2012

UDINE. Anche a Udine parte il bookcrossing, con un’apposita area al Parco Terminal Nord. Lo scambio di libri (bookcrossing, appunto) è una pratica ormai consolidata a livello mondiale, nata nel 2001 con la pubblicazione del sito www.bookcrossing.com tramite il quale viene effettuata la registrazione dei libri liberati e ritrovati, per poterne seguire costantemente il viaggio; in oltre 10 anni gli utenti sono diventati centinaia di migliaia e sono stati registrati quasi 3 milioni di volumi. L’idea di base è di rilasciare libri in qualunque luogo una persona scelga, affinché possano essere ritrovati e quindi letti da altre persone e per far sì che possano continuare un viaggio che idealmente può proseguire per sempre, portando con se un po’ delle esperienze vissute dal suo padrone temporaneo.

L’iniziativa arriva anche a Udine, pensata per offrire a persone di tutte le età l’opportunità di fare qualcosa che, forse, non avrebbero mai pensato di fare: scegliere tra le proprie letture quelle che si desidera condividere con altri, spesso sconosciuti, lettori, far viaggiare i libri più amati, o anche quelli più odiati, quelli che hanno deluso, quelli che hanno regalato emozioni, o hanno addirittura modificato il corso della propria vita. Il bookcrossing – promosso da Parco Terminal Nord – vuole offrire a tutti l’opportunità di aderire a questa attività e di liberare libri, in un’apposita area allestita per questo scopo. Tutti potranno quindi depositare in questo spazio creato appositamente nella piazza di Terminal Nord il proprio volume e al tempo stesso trovare un libro abbandonato e che si desidera leggere… per fargli continuare il suo viaggio.

La procedura è molto semplice: i libri verranno registrati tramite il sito internet internazionale di bookcrossing, verrà assegnato loro un codice univoco (il BCID), che sarà riportato sul libro (tramite un etichetta o a mano). Il codice sarà il passaporto permanente del libro, che potrà viaggiare così liberamente in tutto il mondo, chi lo ritroverà potrà registrarne il ritrovamento immettendo semplicemente il codice online e il suo originale proprietario potrà così seguirne il percorso anche attraverso i commenti dei suoi lettori. Dopo averlo letto (ma non è obbligatorio!) può rilasciarlo nuovamente in libertà su una panchina, su un treno, in un bar, ecc. La sezione Bookcrossing del sito www.parcoterminalnord.it fornirà tutte le informazioni necessarie per usare agevolmente bookcrossing; l’iscrizione è assolutamente gratuita. Sul sito è possibile registrare libri, seguirne i viaggi, cercare libri liberati da altri (per andarne a caccia) e cercare altri bookcrosser, anche scegliere un libro che si vorrebbe leggere e individuare una zona vicina a sè in cui reperirlo. E’ quindi un modo per diffondere cultura, per promuovere la lettura in modo divertente e creativo, ma anche per condividere con altri le proprie passioni ed emozioni, all’insegna della libertà: ciascuno potrà infatti decidere se abbandonare nuovamente il volume, se tenerlo per sé o liberarne altri, senza vincoli o obblighi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!