Parole e musica: Sepùlveda e i Modena City Ramblers

12 Marzo 2015

PORDENONE. E’ il momento di Luis Sepúlveda e dei Modena City Ramblers domani, venerdì 13 marzo, a Pordenone, protagonisti dell’evento musicale del festival Dedica 2015. I Modena apriranno il loro nuovo tour al Deposito (ex Giordani, alle 20.45). Cosa accadrà esattamente sul palco…è una sorpresa.

modena city ramblersNon è la prima volta che Sepúlveda e il gruppo s’incontrano. Sono amici di vecchia data e la condivisione dell’immaginario letterario latinoamericano ha ispirato al gruppo canzoni, il racconto della lotta e della resistenza dall’Emilia al mondo… Già in passato, inoltre, lo scrittore cileno ha fornito al gruppo modenese testi da mettere in musica. E in qualche occasione i Ramblers hanno suonato dopo un incontro o la presentazione di un libro dell’amico romanziere. “La nostra – hanno dichiarato – è un’amicizia fondata sull’impegno civile, sul modo non solo di fare musica o scrivere, ma di vedere e di vivere il mondo quotidianamente. Il suo modo di porsi alla gente, in modo schietto e diretto, il suo raccontare la realtà vestendola di poesia e magia, ci è stato di insegnamento”.

Per Dedica, però, Sepúlveda e i Ramblers saranno per la prima volta insieme sul palco, in un evento unico, che mescolerà parole e musica, storie di lotte e di eroi marginali raccontate e cantate, percorsi clandestini, atmosfere popolari latinoamericane, celtiche e italiane. “Proporremo i brani del nuovo disco – hanno dichiarato i Modena – ma in realtà ci sarà Sepúlveda che racconterà Sepúlveda e noi cercheremo di fare da colonna sonora”. Ma “Lucho” canterà? “Mah, proviamo da anni a farlo cantare ma senza successo, tenteremo anche questa volta!”

I biglietti sono in vendita nella biglietteria del Teatro Verdi dalle 14.30 alle 19, e al Deposito dalle 19.45. Il costo è di 15 euro (posto in piedi).

I Modena schierano alla chitarra e voce Luca Serio Bertolini, whistles e fiati Franco D’Aniello, basso e voce Massimo “Ice” Ghiaccio, violino e cordame Francesco “Fry” Moneti, voce Davide “Dudu” Morandi, fisarmonica e tastiere Leonardo Sgavetti, batteria e percussioni Roberto Zeno.

Condividi questo articolo!