P.P.P. e “i film degli altri”: domani tocca a Deserto rosso

18 Novembre 2015

PORDENONE. Pasolini ha sempre amato il cinema, cominciando da spettatore e da critico. Tullio Kezich raccolse le sue recensioni nel volume “I film degli altri” e Cinemazero tra questi ne ha fatto un’ulteriore selezione – a cura di Andrea Crozzoli – per celebrare questo ricco quarantennale anche ricordando il Pasolini recensore acuto: aspetto meno noto del suo multiforme impegno.

deserto rosso_02Giovedì 19 novembre alle 20.45 tocca a “Deserto Rosso” di Michelangelo Antonioni, «un bellissimo film. […] Antonioni non appiccica più, come aveva fatto nei film precedenti, la sua visione del mondo a un contenuto vagamente sociologico (la nevrosi da alienazione): ma guarda il mondo attraverso gli occhi di una malata (l’incidente automobilistico credo non sia stato casuale: ma è stato probabilmente un tentativo di suicidio della donna). Attraverso questo meccanismo stilistico, Antonioni ha liberato se stesso: ha potuto finalmente vedere i mondo coi suoi occhi, perché ha identificato la sua visione delirante di estetismo con la visione di una nevrotica».

Queste le parole con cui Pasolini commenta il film con la splendida Monica Vitti, qui al terzo film accanto al maestro. Società dei consumi, inquinamento industriale, disumanità della civiltà tecnologica sono gli argomenti centrali di questo film, in cui Antonioni riassume tutto il suo pessimismo. Ingresso libero.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!