Nordest nudo e crudo nei libri di Romolo Bugaro

14 Luglio 2015

LIGNANO. Ricchi e poveri, umili e potenti: la crisi dell’Italia di oggi accomuna chi la vive in un destino di disperazione o di fuga. Offrirà uno sguardo potente sulla realtà spesso brutale dei nostri giorni governati dall’economia e dalle sue leggi anaffettive l’incontro con Romolo Bugaro, giovedì 16 luglio al Palapineta di Lignano (ore 18.30), quinto appuntamento degli “Incontri con l’autore e con il vino” promossi dall’Associazione Lignano nel terzo Millennio per la cura artistica dello scrittore Alberto Garlini.

Romolo Bugaro2Scrittore e avvocato, Romolo Bugaro conosce da vicino, per lavoro, le traiettorie di ascese e fallimenti. Ritrarre con verità i suoi clienti, nel bene e nel male di cui sono capaci, è la scommessa di “Effetto domino” (Einaudi 2015): un mondo, quello veneto, visto dall’economia che travolge e dirige destini. Se nell’Ottocento ci voleva una generazione per perdere il denaro guadagnato da quella precedente, e negli anni Cinquanta e in tutto il dopoguerra ‘bastavano’ cinque anni, oggi il timing è di 15 minuti. Novecento secondi nei quali è racchiuso il senso cinico e spietato di un modello non solo economico ma anche culturale e valoriale. Romolo Bugaro racconta l’effetto domino che ogni avvenimento provoca a catena nell’esistenza propria e altrui, propagandosi con la violenza di una catastrofe naturale: in punta di piedi lo scrittore padovano scruta le vite di personaggi diversi, ritrae uomini ossessionati dal denaro e dal potere, donne che condividono ascese e smarrimenti, imprenditori o operai ugualmente devastati dal «no» di una banca, gente disposta a tutto o semplici vittime del destino.

Il romanzo è ambientato a Padova e nel Veneto. Ritornano le atmosfere, i volti, i caratteri fotografati così bene anche in La buona e brava gente della nazione (Baldini& Castoldi) e in un altro romanzo di Bugaro Il labirinto delle passione perdute (Rizzoli), ma anche in Bea Vita! Crudo Nordest(Laterza). Bugaro sviscera il Nordest, l’alta borghesia e Padova in particolare: luoghi, abitudini, fenomenologia umana. L’incontro culminerà con la degustazione dei vini dell’azienda Le Monde, selezionati e raccontati dall’enologo Giovanni Munisso. Come sempre, l’ingresso all’incontro è libero, info: http://www.lignanonelterzomillennio.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!