No Disc, il “giallo” di Maja

13 Gennaio 2015

CAMINO AL TAGLIAMENTO. Nuovo evento organizzato dai giovani dell’associazione culturale Ermes di Colloredo 1692, con la freschezza e la forza di chi vuole proporre iniziative a favore della cultura e della conoscenza, promuovendo scrittori e autori del territorio che meritano considerazione. Dopo il successo della prima edizione dello scorso anno, torna “Il vino è giallo”, ispirato dall’ospitalità dell’azienda agricola Ferrin di Camino al Tagliamento e dedicato a un libro giallo. Venerdì 16 gennaio sarà la volta del romanzo di Maja Daneluzzi, No Disc; la serata sarà presentata dall’editore di Arpeggio Libero, Fabio Dessole.

copertina_No-DiscIl libro è avvincente e la storia convincente: Stefano, ingegnere informatico vive a New York ed è costretto a un improvviso rientro in Italia per assistere al funerale di Eva, amica d’infanzia, che pare essersi suicidata. La ragazza ha voluto essere sepolta nel paesino dove trascorreva le vacanze estive, ma non ha lasciato alcuno scritto per gli amici. Stefano non è convinto di tutto ciò e si lancia in una personalissima inchiesta per cercare di scoprire qualche cosa di più sui motivi che hanno spinto Eva a quell’ultimo disperato gesto. Non è tutto chiaro come sembra…

L’autrice Maja Daneluzzi è nata nel 1986 a San Vito al Tagliamento e cresciuta sul confine tra Veneto e Friuli. Sebbene si appassioni al mondo della letteratura già in tenera età e sperimenti l’uso della parola accostato alla musica attraverso i testi delle canzoni, è solo nel 2009 che decide di avvicinarsi alla narrativa. Vince un concorso in un piccolo comune nel Comasco e nel 2010 frequenta il primo corso di scrittura creativa, Pordenone Scrive, organizzato dai curatori della manifestazione Pordenone Legge. Il suo vero esordio letterario avviene nel 2013, con la pubblicazione del primo romanzo “No Disc” per opera della casa editrice Arpeggio Libero di Lodi. Con la stessa opera e nello stesso anno consegue il primo posto al concorso “Bovezzo in giallo e noir” nell’omonimo comune bresciano. Lavora come impiegata in un’azienda di San Vito al Tagliamento e vive a Camino al Tagliamento.

L’interessante interpretazione delle vicende descritte da Maja Daneluzzi nel suo No Disc, la sua integrazione nel territorio del Medio Friuli e volontà di diffondere la cultura come strumento democratico di miglioramento sociale, ha generato questo nuovo incontro che unitamente alla generosità dei Ferrin (località Casali Maione 8, tel. 0432 919106), sfocerà in un momento conviviale, al termine della serata.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!