Nel ricordo di don De Roja

5 Ottobre 2012

TAVAGNACCO. Nell’ambito delle iniziative del progetto “La settimana della Pace”, organizzato dal Comune di Tavagnacco in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Tavagnacco, venerdì 5 ottobre alle ore 20.30 all’auditorium comunale di Feletto Umberto va in scena: “L’inferno è vuoto”. Lo spettacolo teatrale, scritto e diretto da Eligio Zanier, rappresenta una degna e opportuna testimonianza nel ricordo di don Emilio De Roja, fondatore della Casa dell’Immacolata nel rione San Domenico a Udine. Educatore attento e paziente, sacerdote che non predicò con le parole ma con lo stile di vita. “Che cosa sto a fare in chiesa con tutti i problemi che ci sono fuori?”. Dal quotidiano Libertà: “Nel Villaggio San Domenico a Udine abbiamo trovato don Camillo! Le prediche del Parroco in chiesa e in osteria”.

Per don Emilio il problema più scottante da risolvere fu quello dei giovani, spesso trovati in condizioni molto difficili, orfani, abbandonati, violenti, che lui accoglieva, seguiva, educava con una forza e determinazione inaudite, nonostante il suo fisico gracile e minuto. Era convinto che l’amore fosse la cosa che più si divide e più si moltiplica, più se ne dà e più ne resta. Così diceva Don De Roja: “L’inferno è vuoto!”, perché pensava che il Signore, con la sua infinita bontà, riesce sempre a trovare qualcosa di buono in ognuno di noi e così trova il modo di salvarlo dalle pene eterne.

Interprete di colui che stava “dalla parte degli ultimi” è Claudio Moretti, che con sensibilità e competenza si è calato nel difficile ruolo dopo aver studiato dalle foto e filmati dell’epoca la dinamica corporea e gli atteggiamenti. A completare il cast Arianna Zani che peraltro ha supportato la regia, assieme a Francesco Cevaro, Sandro Vigna, Paola Rizzi e Marco Andreoni. Preciso ed efficace il commento musicale originale alla fisarmonica del maestro Giorgio Garofolo. Cantante solista Carolina Zanier, Testo e sceneggiatura di Eligio Zanier. E’ una produzione del Teatro di Eligio. L’ingresso è libero.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!