Musicoterapia e/o farmaci: corso giovedì a Villa Manin

22 Settembre 2015

CODROIPO. La scarsa risposta ai farmaci mostrata nelle demenze vascolari e in quelle degenerative ha fatto si che i ricercatori si orientassero maggiormente verso le terapie alternative che agiscono sulla sfera cognitiva, emozionale, relazionale e comportamentale dei pazienti con demenza lieve o moderata, la cui limitazione della sfera sensoriale non sia totalmente compromessa. Doveroso ricordare che questi interventi non sono volti al recupero o al ripristino di abilità ormai deteriorate, ma alla ricerca e alla costruzione di un nuovo equilibrio che migliori la qualità della vita della persona malata e di chi se ne prende cura.

Vi è un ampio dibattito in merito ai benefici che la riabilitazione cognitiva e gli interventi psicosociali, possono dare alle persone con demenza. Certo è che oggigiorno questi approcci di intervento non farmacologico sono sempre più richiesti e vengono utilizzati da personale qualificato all’interno dei centri servizio o dagli assistenti al domicilio e si basano principalmente sulla relazione interpersonale positiva e su rapporti empatici ed emotivo-affettivi. Il loro ruolo è di supporto alla terapia non farmacologica, in diversi casi si assiste a una riduzione della terapia sedativa farmacologica, ma non è sostitutiva.

Essenziale diffondere le nuove conoscenze, in particolare tra gli operatori del settore. L’Asp. Daniele Moro di Codroipo, in collaborazione con il consorzio Vives, Sodexo, Enaip FVG e il patrocinio della città di Codroipo, continua nel processo di aggiornamento del personale, organizzando un evento formativo (il 24 settembre a Villa Manin) aperto a tutti, ma diretto principalmente ai professionisti, cui saranno assegnati otto crediti ECM, come medici, psicologi, educatori, operatori socio sanitari, infermieri, fisioterapisti, ma anche animatori e tutti i professionisti che si occupano di relazione d’aiuto e i familiari degli appartenenti al mondo della demenza.

Il corso sarà condotto da Ivo Giovanni Cilesi, medico pedagogista – psicopedagogista considerato un luminare a livello mondiale. Ideatore della terapia della bambola e del modello terapeutico di riferimento. Responsabile del servizio terapie non farmacologiche e riabilitazione cognitiva Area Alzheimer alla Fondazione S. Maria Ausiliatrice di Bergamo e al Pio Albergo Trivulzio di Milano. Tra le principali discipline presenterà la musicoterapia che, con l’ausilio di nuove tecniche e strumenti recenti, è considerata tra le pratiche con i maggiori risultati positivi in termini di giovamento. Il corso si inizierà alle 8.15 e durerà sino alle 18.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!