Mostra su Pablo Casals

7 Novembre 2014

CIVIDALE. Verrà inaugurata domani sabato, alle 17, al Museo Archeologico Nazionale di Cividale, l’inedita mostra fotografica, progettata in collaborazione con l’Associazione musicale “Sergio Gaggia” di Cividale, dedicata a Pau Casals, noto anche col nome ispanizzato di Pablo Casals, violoncellista di fama, compositore e direttore d’orchestra di origini spagnole, considerato il fondatore della moderna tecnica violoncellistica. Costruita sulle bellissime fotografie tratte dagli archivi della Fondazione Festival di Prades, la mostra si inserisce nel quadro più ampio del festival dedicato a Pau Casals, all’interno del progetto “I luoghi della guerra visti con gli occhi della pace”.

PAU Casals-205287Luogo di cultura, custode di una collezione che racconta storie di migrazioni, di conflitti, di scontri e unioni di popoli, il Museo Archeologico Nazionale di Cividale si candida, con questa esposizione, ad esprimere l’idea che Casals maturò dell’arte come valore in grado di superare le barriere e riportare l’uomo ad una dimensione più alta. La storia del museo cividalese narra, infatti, essa stessa la storia di un luogo che ha vissuto drammaticamente i due conflitti mondiali, subendo danni alle sue strutture e al suo patrimonio. L’esperienza di Pau Casals, uomo d’arte e di pace, può idealmente accompagnare il museo a ripensare la sua storia in occasione di una ricorrenza così importante, quale il centenario della Grande Guerra.

L’inaugurazione sarà accompagnata dalla conferenza ”L’impegno sociale di Pau Casals” a cura di Michel Lethiec, responsabile del Festival Casals di Prades, ideato dallo stesso Casals nel 1950, in occasione del bicentenario della morte di Bach. La mostra resterà aperta fino all’11 gennaio 2015.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!