“Mi chiamo Erik Satie…” ora è anche un compact disc

4 Dicembre 2015

UDINE. Riveste quest’anno particolare importanza il tradizionale appuntamento che da anni il Conservatorio di Udine riserva a fine anno alle molteplici iniziative progettate e promosse dall’Associazione Musicale Tarcentina con il sostegno di Regione e Fondazione CRUP. Sabato prossimo, 5 dicembre alle ore 18, il XIII Laboratorio Internazionale di Musica da Camera “FriuliMusicFestival” giungerà a conclusione al “Tomadini” con la presentazione ufficiale del quarto lavoro discografico prodotto dall’associazione nell’ambito del laboratorio internazionale.

BookletAmpiamente collaudato nel corso di numerose rappresentazioni italiane, lo spettacolo “Mi chiamo Erik Satie come chiunque”, ideato e realizzato dall’attrice Carla Manzon e dalla pianista Barbara Rizzi, diviene finalmente un Compact Disc, recentemente registrato al pianoforte Fazioli del Conservatorio di Udine quale preziosa apertura dell’imminente 150° anniversario della nascita di una geniale personalità della cultura contemporanea, figura carismatica e di assoluto rilievo nella Parigi di inizio Novecento. Grazie alla prestigiosa collaborazione con la prof. Ornella Volta, presidente degli archivi della Fondazione Satie di Parigi, che ha voluto offrire il suo contributo al progetto, avendolo da sempre entusiasticamente sostenuto, con un’illuminante nota a stampa vede la luce uno dei più rilevanti e innovativi contributi al pensiero e all’opera di Satie, testimonianza artistica enigmatica e proiettata al futuro alla quale sarà dedicato il contributo introduttivo del docente di storia della musica David Giovanni Leonardi.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti previo ritiro del biglietto in Conservatorio a partire dalle 10 di sabato 5 dicembre.

Condividi questo articolo!