Magie di cartone, tango sotto le stelle e paesaggi d’acqua

2 Luglio 2014
Un'opera di Gilmour

Un’opera di Gilmour

PORDENONE. Giovedì 3 luglio l’Estate in città di Pordenone comincia già nel pomeriggio con le proposte per i più piccoli, con il laboratorio creativo per bambini dai 6 ai 10 anni a Casa Zanussi alle 17.30, condotto dall’artista inglese Christopher Gilmour, che creerà con i più piccoli delle sculture di cartone. Giardini d’arte, a cura del Centro Iniziative Culturali, quest’anno si rinnova infatti, privilegiando la formula laboratoriale e l’infanzia. L’opera di Gilmour ha la leggerezza delle cose fragili, e l’attrattiva dei racconti di fate: le sue creazioni di cartone sono realizzate con un materiale che è sotto gli occhi di tutti, ma acquistano una loro dignità particolare perché rappresentano oggetti o costruzioni che non si penserebbero mai con la consistenza di un materiale così leggero. Il laboratorio successivo sarà condotto da Lisa Garau. Le installazioni realizzate nei 2 laboratori verranno esposte negli spazi esterni del Centro Culturale Casa A. Zanussi. Info e iscrizioni 0434 553205; cicp@centroculturapordenone.it.

Shopping, cultura, danza e spettacolo sono le parole chiave dei Giovedì sotto le stelle 2014 a cura di Sviluppo e Territorio in collaborazione con Ascom Confcommercio per l’Estate in città del Comune di Pordenone, cui si aggiunge l’apertura straordinaria fino alle 22.30 del Museo civico d’arte e del Museo di storia naturale. Ogni giovedì piazza XX Settembre verrà trasformata in una sala da ballo all’aria aperta, con un tema differente. Il 3 luglio sarà il tango, con l’Associazione Tango è vita, che animerà un’elegante e passionale milonga sotto le stelle, mentre Pro Loco Pordenone e Crai di Carlet si occuperanno dell’anguriata, della gara di briscola e delle animazioni per i bambini. Alle 21 in piazza della Motta, ci sarà invece l’appuntamento per chi desidera partecipare alla visita guidata alla città a cura di Itineraria, dal tema: viaggio notturno a Pordenone tra storia, cronache e leggende.

Alle 20.45 il Giardino di via Bertossi ospita “Passaggi d’acqua” a cura di Bottega e Libreria Quo Vadis per l’Estate in Città: letture e musiche con al centro l’acqua, i fiumi, il territorio. Il Friuli è infatti attraversato da fiumi, grandi e piccoli, di montagna o di pianura, pieni o in secca. Fiumi che segnano confini, attorno ai quali si coagulano storie di persone, di uomini e donne che vivono sulle sponde un’intera esistenza o che entrano nelle loro acque una calda domenica d’estate. Storie sulle sponde, sopra i ponti, sotto il pelo dell’acqua. Acqua che c’è, che manca, che si rigenera, che scompare, che distrugge. Il fiume appare come luogo dove sedersi e chiacchierare con un amico sui destini del mondo o dove starsene da soli a tentare di misurare il tempo, ma il fiume e l’acqua sono anche poesia, metafora, simbolo, sorgente e foce di un itinerario fisico o immaginario, reale o onirico. Ad accompagnarci in questo viaggio saranno le pagine di Luciano Morandini, Amedeo Giacomini, Claudio Magris, Raymond Carver, Roberto Piumini, Erri De Luca, Paolo Rumiz, Elio Bartolini, Mark Twain, Konrad Lorenz e Stefano Benni. In scena l’attore Claudio Moretti, il poeta Maurizio Mattiuzza, lo scrittore Mauro Daltin e il cantautore Renzo Stefanutti. Ingresso libero. In caso di maltempo si va in biblioteca.

Giancarlo Ratti

Giancarlo Ratti

Il giovedì dell’Estate in Città verrà concluso in bellezza dal primo incontro speciale, alle 21.15, nell’arena del parco del castello di Torre a Pordenone, nell’ambito della maratona che I Papu stanno conducendo per festeggiare i 25 anni di carriera. Organizzato in collaborazione con il Teatro Verdi di Pordenone e dedicato al rapporto fra comicità e teatro, vedrà nei panni dell’ospite speciale Giancarlo Ratti, attore teatrale (formatosi anche con Ernesto Calindri) molto amato anche dal pubblico radiofonico e televisivo. E’ infatti una delle voci del celebre programma in onda ogni mattina su Radio 2 “Il ruggito del coniglio” condotto dalla mitica coppia Dose-Presta, mentre nella fortunata serie tv “I Cesaroni” ha interpretato il ruolo del padovano Barilon e quello del commissario nella fiction Rai “La ladra”.

La serata sarà condotta dagli stessi Papu insieme all’attore e regista Mirko Artuso (recentemente l’abbiamo visto anche nell’ultimo film del compianto Carlo Mazzacurati “La sedia della felicità”), che per il Teatro Verdi di Pordenone ha curato lo scorso anno il laboratorio comico all’interno del progetto “Due risate” voluto dal Teatro con l’obiettivo di valorizzare una comicità non stereotipata, non tarata sui tempi e le modalità televisive e diretta a un pubblico vero, presente ed esigente come, appunto, quello del teatro. E l’incontro di giovedì ha proprio l’obiettivo di riflettere sullo spettacolo teatrale legato al comico e dunque sulla necessità una scrittura drammaturgica che regga non i solo i tre minuti di uno sketch, sulla necessità del lavoro dell’attore e di una regia. Insomma, sull’importanza di un recupero delle radici del comico, con l’artigianalità alta del teatro, innestato sul quotidiano e la contemporaneità. Di tutto questo parleranno i Papu e Artuso, mentre le incursioni comiche saranno affidate a Giancarlo Ratti,

L’ingresso è libero. Per informazioni su abbonamenti e biglietti per gli spettacoli in programma fino al 31 luglio www.pointiticket.it. Info: www.ipapu.it, tel. 342 1345469.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!