L’allievo e il maestro

18 Marzo 2013

UDINE. Ultimo appuntamento per la programmazione CrossOver della Stagione 2012/13 del Giovanni da Udine. Martedì 19 alle 20.45, e mercoledì 20 marzo alle 10.30 (scolastica) andrà in scena al Teatro Nuovo una produzione del Teatro dell’Elfo: Rosso dell’americano John Logan, con la regia, i costumi e la scenografia di Francesco Frongia, uno spettacolo che si basa sulla biografia del celebre pittore Mark Rothko maestro dell’espressionismo astratto, che alla fine degli anni Cinquanta ottenne la più importante commissione della storia dell’arte moderna, una serie di murali per il ristorante Four Season di Manhattan. I dialoghi vivaci, ironici, intelligenti tra Rothko e Ken, suo giovane assistente (Alejandro Bruni Ocaña), sviluppano un’appassionata meditazione sull’arte e sul confronto generazionale tra allievo e maestro.
Lo spettatore assiste a una straordinaria esperienza percettiva: vede Rothko agire e dipingere, per cui il “mural” si costruisce innanzi ai suoi occhi, creando uno spazio doppio: quello della scena e quello del dipinto. E in esso intraprende un viaggio alla ricerca del cuore di un’artista che antepone, con forza e sdegno, la sacralità dell’arte al mercato e al guadagno.
Nello spettacolo Rothko, interpretato da Ferdinando Bruni, teorizza, pontifica, dissacra, mentre il volenteroso assistente impara l’arte e la vita e forse qualcosa avrà anche lui da insegnare. In un allestimento che ricrea i colori, gli odori, le macchie di un atelier, il fatto che Ferdinando Bruni sia anche pittore (ha dipinto personalmente le grande tele, copie di quelle di Rothko), gli permette di non cadere mai nel banale stereotipo, mentre il giovane Ocaña interiorizza ed esprime la paura, il rispetto e il malinconico affetto dell’allievo verso il tormentato maestro.
L’autore, John Logan, è sceneggiatore di molti capolavori cinematografici (The Aviator, Hugo Cabret, Sweeney Todd fino al recente Lincoln di Steven Spielberg) e proprio con Red (Rosso) negli Stati Uniti si è aggiudicato sei Tony Award 2010.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!