La Traviata a Latisana

11 Luglio 2014

TRAVIATA4LATISANA. Sabato 12 luglio alle 21 al Teatro Odeon di Latisana, l’associazione culturale musicale Nuova Banda di Carlino propone una delle opere verdiane più conosciute e apprezzate, la Traviata. Lo spettacolo, che fa parte dell’evento “Concerto Breve”, è proposto come un unico brano vocale e strumentale, con la voce narrante di Loris Bazzo e l’interpretazione delle arie più celebri a cura di tre cantanti lirici professionisti. Sul palco, saliranno infatti il soprano Giulia Della Peruta, nel ruolo di Violetta, il tenore Roberto Miani, che interpreterà Alfredo, e il baritono Michele Codarin, che vestirà i panni di Germont. Ad accompagnare i tre cantanti nelle arie più famose dei tre atti dell’opera e nell’esecuzione delle parte orchestrali più significative, sarà la Nuova Banda del Carlino al completo, con i suoi circa quaranta elementi, che proprio grazie a questa formazione possono spaziare musicalmente – sotto l’attenta direzione del maestro Flaviano Martinello – da brani di tipo religioso e patriottico a esecuzioni di musica classica, leggera e moderna.

TRAVIATA1La trascinante interpretazione dell’aria del Brindisi “Libiamo ne’ lieti calici” – offerta dal soprano Giulia Della Peruta e dal tenore Roberto Miani – e l’intervento del baritono Michele Codarin nel ruolo di Germont nelle arie “Un dì quando le veneri” e “Di Provenza il mar, il suol”, dimostrano che far interagire il mondo dilettantistico dei ragazzi dell’orchestra di fiati della Nuova Banda di Carlino e il mondo del professionismo formato dai tre ottimi cantanti, può creare un notevole valore aggiunto per l’offerta culturale del Friuli Venezia Giulia.
«Il successo di questa serie di concerti che sta volgendo a termine, decretato dall’enorme affluenza di pubblico – spiega il Presidente Gianfranco Zanutta–, va completamente a onorare l’impegno degli strumentisti, del maestro Flaviano Martinello e della grande capacità interpretativa dei cantanti. Un pubblico stupendo, che ci ha arricchito con la sua presenza e con il suo sostegno, confermando che il ruolo delle bande nelle nostre comunità è ancora quello di divulgare e far crescere la cultura tra i giovani e i meno giovani, un aspetto questo che le bande sanno ben interpretare tenendosi al passo con i tempi e proponendo repertori di grande interesse».

Condividi questo articolo!