La Società globale al centro del secondo Mimesis Festival

17 Ottobre 2015

UDINE. L’associazione culturale “Territori delle Idee” propone a Udine la seconda edizione del Mimesis Festival, che quest’anno avrà un’impronta ancora più spiccatamente “sociale”, come si evince dal tema: la “Società globale”. Tema che sarà affrontato già dal primo incontro pubblico, martedì 20 ottobre, con la conferenza di Luciano Violante. Ma la vocazione sociale sarà una costante di tutto il Festival, che, da mercoledì 21, nelle librerie di Udine, proporrà dibattiti su tematiche di stretta attualità, come il ruolo delle banche, l’infanzia, l’immigrazione e la funzione dei media.

Dal 19 al 25 ottobre tornano quindi gli appuntamenti culturali che lo scorso anno hanno animato la città, offrendo ai partecipanti un programma ricco di incontri e di dibattiti gratuiti e aperti a tutti. Ogni giornata si articolerà in tre diversi momenti: gli incontri in collaborazione con le scuole la mattina, le conferenze nel primo pomeriggio e le presentazioni la sera in libreria. Il tema centrale del Festival, la società globale, sarà scandagliato attraverso le tre lenti complementari della filosofia, dell’arte e del diritto, in continuità con la scorsa edizione.

Al Teatro Palamostre, da mercoledì a sabato, dalle ore 10, grandi nomi del panorama culturale italiano proporranno una riflessione a partire da quattro domande essenziali: che cos’è la matematica? Che cos’è il diritto? Che cos’è il giornalismo? Che cos’è la filosofia? Tra gli ospiti di quest’anno: Giulio Giorello, Furio Honsell, Luigi Costato, Tommaso Cerno, Antonio Gnoli, Luigi Perissinotto e Giovanni Boniolo. Tra gli ospiti del Festival sarà presente uno del maggiori pensatori contemporanei, Alain Badiou che, sabato 24, alle ore 17.00 (Palazzo Garzolini), dialogherà con Yves André, Furio Honsell e Andrea Tabarroni. Un appuntamento, realizzato in collaborazione con l’Università di Udine, che conferma la vocazione filosofica del Festival.

L’arte, la fotografia e l’immagine saranno al centro degli incontri a Casa Cavazzini, il Museo d’arte moderna e contemporanea di Udine, che, proprio nei giorni del Festival ospiterà una mostra di Tina Modotti, tra le più importanti artiste internazionali a cui il Friuli abbia dato i natali. In sinergia con questa occasione cittadina, il programma del Festival a Casa Cavazzini proporrà una riflessione sulla società globale a partire dalle arti visive, con interventi di Maurizio Guerri, Fabio Polidori, Carmine Di Martino, Andrea Zhok, Roberto Masiero, Paolo Fabbri, Tiziana Migliore, Massimo Donà e Arnaldo Colasanti.

Il diritto, in funzione dell’interesse sociale che, primo fra tutti, caratterizza il festival, diviene un ponte privilegiato con le scuole. Il primo dibattito, “Diritto e nuovi diritti” (lunedì 19, con Francesco Bilotta), sarà infatti riservato agli studenti e si terrà al Liceo Scientifico Marinelli.

SCARICA IL PROGRAMMA

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!