La riscoperta di G.B. Cossetti: Screm presenta il suo libro

20 Aprile 2015

UDINE. Una rosa scelta di autori animerà il prossimo, consueto appuntamento dei Dialoghi alla Biblioteca civica, in Sala Corgnali. Mercoledì 22 aprile alle 18 verrà infatti presentato il libro del giovane musicologo Alessio Screm, dal titolo Giovanni Battista Cossetti e la riforma della musica sacra in Friuli tra Ottocento e Novecento (Forum Editrice). Ad accompagnare l’autore nella presentazione del corposo volume – prima opera completa sul compositore friulano -, ci saranno lo scrittore Paolo Maurensig, da sempre colto ed appassionato musicofilo, il direttore del Messaggero Veneto Tommaso Cerno, noto anche per la recente conduzione del programma di approfondimento storico D-Day andato in onda su Rai 3, e David Giovanni Leonardi, docente di storia della musica al Conservatorio Jacopo Tomadini di Udine.

Alessio Screm

Alessio Screm

Una monografia importante quella di Screm, che aggiunge un tassello di rilevante interesse al mosaico sulla storia della musica friulana e nazionale tra XIX e XX secolo. Dopo Chopin, il poeta al pianoforte (Audax 2010), il giovane musicologo si allontana dalla storiografia romanzata per dedicarsi interamente all’indagine scientifica. Scrive in prefazione Cristina Scuderi, docente di storia della musica e ricercatrice alla Karl Franzens Universität di Graz: «Una macro-storia alla quale le micro-storie afferiscono e in cui trovano giustificazione. È questo un libro di cui si apprezzano subito la minuziosità di stesura e la capillarità di ricerca. L’autore, non nuovo a felici operazioni editoriali, dimostra il rigore dello studioso più esigente e tiene ben salde le redini del discorso storico».

Giovanni Battista Cossetti

Giovanni Battista Cossetti

Il volume è impreziosito da fotografie d’epoca, spartiti e da un cd audio che raccoglie le Dieci premiate composizioni per organo di Cossetti finora inedite, eseguite dall’organista Michele Bravin all’organo storico Zanin nella chiesa parrocchiale di Chions in provincia di Pordenone. Una pubblicazione attesa che rende omaggio all’artista friulano a 60 anni dalla sua scomparsa e lo riscopre oggi come figura esemplare, ispirata, profonda e poliedrica.

Giovanni Battista Cossetti (Tolmezzo 1863 – Chions 1955) fu musicista, organista e compositore, fondatore e direttore di scholae cantorum e bande musicali, collaudatore d’organi, animatore culturale, mecenate e benefattore. Significativo rappresentante ceciliano in congressi nazionali, nel 1921 fu insignito del titolo di Cavaliere di San Gregorio Magno da Papa Benedetto XV. Autore stimato e pluripremiato, compose oltre 500 lavori sacri e profani e diverse sue opere furono edite in Italia e all’estero.

Condividi questo articolo!