Intense emozioni al concerto dei due pianisti russi

10 Novembre 2015

SAN VITO AL TAGLIAMENTO. Applausi, bis e grande emozione al Teatro Arrigoni di San Vito al Tagliamento per i due pianisti russi che, dopo il Secondo Premio assoluto al Concorso piano|fvg 2014, sono in queste settimane protagonisti dei concerti offerti dall’organizzazione per far conoscere il loro talento al pubblico del Friuli Venezia Giulia, e non solo. Galina Chistiakova, moscovita classe 1987, e Dmitry Shishkin, nato a Ulan-Ude nel 1992, sono i due interpreti che il pubblico ha potuto ascoltare sabato scorso nella preziosa cornice del Teatro Storico, impegnati in un programma che ha presentato al meglio la molteplicità di sfumature dell’opera di Fryderick Chopin, uno dei compositori più amati ed eseguiti dai due solisti, reduci entrambi dall’impegnativo recente Concorso di Varsavia, ambitissimo dai pianisti che mirano a mettersi in luce in questo repertorio, dato anche che si svolge solo ogni 5 anni, con un programma fittissimo di prove ed esibizioni giudicate da una Giuria che rappresenta praticamente il “gotha” del pianismo mondiale.

pianoFVG_san_vito_Shishkin_ChistiakovaImpossibile quindi prescindere da questo autore, di cui la Chistiakova ha interpretato con nitore e passione alcuni dei pezzi più celebri, dalla Barcarola op.60 all’Andante Spianato e Grande Polacca Brillante, un vero concentrato di atmosfere, colori e dinamiche, che mettono davvero alla prova non solo la tecnica, ma soprattutto la sensibilità musicale dell’interprete. Dmitry Shishkin ha scelto invece di cominciare con pezzi di ispirazione più intima e conchiusa, dal Rondò op. 1 alle tre Mazurke op. 59, nelle quali Chopin supera e reinventa gli schemi delle forme musicali tradizionali, per aprirle a nuovi orizzonti che immettono nel circolo della musica colta le danze e le tradizioni della sua indimenticata terra polacca. Lo Scherzo n. 2 rivela le doti virtuosistiche e di finezza esecutiva di Shishkin, che valorizza ogni singola nota, ogni variazione di tono e di sonorità richiesta dalla partitura. Il pubblico, tra il quale anche molti spettatori giovani, risponde alla serata con grande partecipazione ed entusiasmo, segno che la bella musica non può che restare amata e immortale.

Condividi questo articolo!